Finti necrologi davanti alle sedi dell'Inps: la solidarietà dei sindacati

Orietta Olivo, segretaria generale della Funzione pubblica Cgil: “Campagna populista: l’istituto sta gestendo una enorme mole di interventi”

I necrologi fuori dalle sedi dell'Inps

Centinaia di manifesti funebri sono stati affissi nei giorni scorsi dai militanti di CasaPound Italia davanti alle sedi INPS in decine di città italiane, comprese quella di Udine. L'intento, per i militanti della tartaruga frecciata, era quello di "denunciare la morte dell’economia italiana e di migliaia di piccoli e piccolissimi imprenditori, messi in ginocchio dalle politiche governative e “giustiziati” dai disservizi, dai ritardi e dall’incapacità di gestire i pochi aiuti statali da parte dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale", come si legge in una nota diramata da loro stessi. A portare solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori dell'Inps è la Cgil. 

La solidarietà

«Un attacco inaccettabile che non colpisce soltanto l’Inps come istituzione, ma anche tutti i suoi lavoratori e l’impegno che hanno profuso per contrastare gli effetti di una crisi senza precedenti». La segretaria generale della Funzione pubblica Cgil Orietta Olivo esprime con queste parole la condanna contro la campagna denigratoria scatenata a livello nazionale da Casapound contro l’istituto. «Troviamo non solo di pessimo gusto i necrologi – commenta ancora Olivo – ma anche del tutto sbagliato il bersaglio. Un conto infatti è denunciare i tempi lunghi della cassa integrazione, come ha fatto più volte anche il sindacato, un conto scatenare campagne populiste senza tenere conto dell’enorme volume di pratiche gestite dall’istituto».

Una grande mole di lavoro

Per la segreteria della Cgil è da tener conto la mole di lavoro affrontata dall'ente. «Da gennaio a maggio sono state autorizzate 1,7 miliardi di ore di cig a livello nazionale e 43 milioni a livello regionale, volumi che in cinque mesi superano già del 50% i picchi storici mai raggiunti in Italia e in Fvg. Si pensi che sulla sola cassa in deroga, in regione, sono state presentate 13mila domande, l’80% delle quali è stato gestito entro 5 i giorni: ne restano da lavorare appena 500, peraltro arrivate di recente. A questo si aggiungano i milioni di pratiche affidate all’istituto e legate alle misure straordinarie introdotte per far fronte all’emergenza, dai vari bonus all’estensione dei congedi parentali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una situazione difficile

Gli errori di comunicazione del Governo e dell’istituto, secondo Olivo, non bastano a giustificare una campagna che la segretaria della Fp-Cgil giudica populista sia nei modi che nei contenuti. «Ha sicuramente sbagliato – dichiara – chi si è sbilanciato promettendo tempi brevissimi per l’erogazione di tutti gli interventi, compresi quelli come la cassa in deroga e il Fis, caratterizzati da pratiche molto complesse e che richiedono il concorso di molti soggetti, con un elevato rischio di errori e di lacune prima che l’iter approdi all’Inps. Questi attacchi, però, sono populisti, perché non puntano al merito, non riconoscono dati di fatto oggettivi come la grande mole delle misure messe in campo e l’impegno di chi lavora all’Inps. Anzi, rischiano di convogliare malesseri del tutto ingiustificati verso i lavoratori e le lavoratrici dell’istituto, che in questi mesi, pur operando a distanza, hanno continuato a lavorare a tempo pieno e spesso fuori orario per star dietro a una richiesta di interventi e prestazioni senza precedenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Tre nuovi decessi da Covid19 in FVG: si tratta di due 78enni e un 59enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento