Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Lestizza

Muore per un'emorragia dopo un intervento di routine: la Procura di Udine apre un'inchiesta

La vittima si chiamava Carlo Quazzo e aveva 51 anni: la moglie ha presentato un esposto

La vittima si chiamava Carlo Quazzo e aveva 51: era stato operato il 10 novembre 2020 all’ospedale civile di Udine. Il decorso post operatorio sembrava regolare, ma la notte del 20 novembre in poche ore si è consumato il dramma: un’emorragia è stata fatale.

La Procura di Udine, riscontrando l’esposto presentato dalla moglie della vittima, ha aperto un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, per ora contro ignoti, per la morte dell'uomo residente a Lestizza, e ha disposto l’autopsia sulla salma.

Chi era

Quazzo, che oltre alla moglie lascia quattro figli, era molto conosciuto nella frazione di Sclaunicco di Lestizza, per il quale si era anche candidato come consigliere comunale alle ultime elezioni. L'uomo era stato sottoposto a un intervento di legatura delle varici esofagee, un’operazione sulla carta di routine e perfettamente riuscita a detta dei medici, tanto da essere dimesso già l’indomani, cioè l’11 novembre.

I fatti

Tutto procedeva bene fino a venerdì 20 novembre quando il cinquantunenne, operaio della Aereco di Campoformido, si è svegliato all’improvviso durante la notte con una sensazione di ingombro allo stomaco e ha cominciato a vomitare sangue. La moglie l’ha accompagnato di corsa in macchina al pronto soccorso di Udine ma, causa Covid, non è potuta restare al suo fianco ed è dovuta rientrare a casa. Alle 4.30, tuttavia, i sanitari, che nel frattempo avevano sottoposto Quazzo a una gastroscopia, l’hanno chiamata al telefono riferendole di gravi complicanze e invitandola a tornare urgentemente in ospedale: al suo arrivo, alle 4.50, i medici le hanno comunicato il decesso del marito causato, a quanto le è stato detto, da una “perdita incontrollata di sangue dalle varici esofagee”.

L'esposto

La moglie dell'uomo ha deciso di presentare un esposto nel quale è stato chiesto all’autorità giudiziaria di disporre il sequestro della salma per procedere ad un esame autoptico onde chiarire le cause della morte e accertare se vi siano eventuali responsabilità penali da parte dei sanitari nel decesso e, in particolare, se questo possa essere ricondotto a errati trattamenti in occasione dell’intervento chirurgico subito pochi giorni prima dalla vittima proprio alle varici esofagee.

Inchiesta

Accogliendo le istanze, il Pubblico Ministero della Procura di Udine, dott.ssa Letizia Puppa, ha aperto un fascicolo, per ora contro ignoti, e ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche e la perizia autoptica nominando a tal fine come propri consulenti tecnici il dott. Antonello Cirnelli, e il dott. Ernesto Angelucci, primario di Chirurgia Generale del Policlinico San Giorgio di Pordenone: l’incarico sarà conferito giovedì 3 dicembre, alle 9.30, presso l’ufficio di Polizia Giudiziaria del Tribunale, e l’esame sarà effettuato a seguire, alle 10, presso il cimitero di San Vito di Udine, dove la salma è conservata in attesa di sepoltura (i funerali sono già stati celebrati). Alle operazioni peritali parteciperà anche un medico legale come consulente di parte della famiglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore per un'emorragia dopo un intervento di routine: la Procura di Udine apre un'inchiesta

UdineToday è in caricamento