menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sconto del 30% sulle multe: le precisazioni del Comune di Lignano

Polizia locale e amministrazione della cittadina balneare specificano quali sono i requisiti per garantirsi la decurtazione sulla tariffa "piena" della sanzione

Il decreto “del fare”, convertito recentemente in Legge, ha sancito la riduzione del 30% sulle sanzioni amministrative irrogate in violazione alle norme del Codice della strada. Ma tale norma ha posto delle problematiche sicuramente non considerate dal legislatore statale.

L’Amministrazione comunale di Lignano Sabbiadoro, unitamente alla Polizia locale, ha ritenuto doveroso fornire ai cittadini informazioni dettagliate in merito.

1) La riduzione del 30 per cento si può applicare solo in presenza di notifica del verbale.
Attenzione: la notifica del verbale non è costituita dal preavviso di accertata violazione (la cosiddetta “multa” che viene lasciata sul tergicristalli), ma dall’atto ufficiale che giunge al proprio domicilio attaverso lettera raccomandata, gravato dalle spese di notifica pari a 16 euro.

2) Per usufruire della riduzione del 30% ed evitare le spese di notifica si può procedere nel seguente modo:

a) Se la contestazione avviene immediatamente, il trasgressore può usufruire della riduzione del 30% entro 5 giorni.

b) Nel caso del preavviso di accertata violazione (“multa” sul tergicristalli), entro 5 giorni dalla data del preavviso il trasgressore può recarsi presso il Piantone della Polizia Locale (viale Europa 100 – LignanoSabbiadoro) e richiedere la notifica del verbale. Contestualmente oppure entro 5 giorni dalla data della notifica del verbale, il trasgressore può procedere al pagamento dell’importo ridotto del 30%.
È necessario portare con sé carta di circolazione, patente di guida e documento di identità, propri o dell’obbligato in solido.

L’Amministrazione comunale ritiene inoltre che il legislatore statale non abbia considerato altre due problematiche che ricadono pesantemente sull’ente, ovvero:

1) Per rispondere agli obiettivi che hanno sovrinteso alla norma del legislatore, viene drammaticamente ingolfata l’attività degli uffici comunali, che sono chiamati a rimodulare la propria intera organizzazione con sacrificio dell’efficienza e dell’efficacia di altri servizi dagli stessi erogati, in particolare sul territorio.

2) Queste scelte comportano una minor entrata rispetto alla previsione contenuta nel bilancio previsionale di un ente locale. Da un anno a questa parte, non è la prima volta che gli enti locali sono costretti a rincorrere un necessario adeguamento che rende difficile l’attività di programmazione quando le scelte originarie dei comuni vengono fondate su norme e presupposti diversi che in corso di esercizio cambiano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento