Parcheggi a pagamento invece del carico/scarico, ma i residenti prendono la multa

I nuovi cartelli di via del Gelso a Udine

Circa due mesi fa sono state tolte le strisce gialle dei parcheggi adibiti a carico/scarico in via del Gelso, sostituite da quelle blu dei parcheggi a pagamento. Contenti di questa decisione, come segnalato da un nostro lettore, soprattutto i residenti speranzosi di poter approfittare dell'abbonamento per parcheggiare finalmente sotto casa.

La segnalazione del lettore

L'amara sorpresa è arrivata quando, nonostante l'esposizione dello stesso abbonamento, è arrivata la multa. "I vigili hanno deciso così", si è sentito rispondere da Ssm un nostro esterrefatto lettore nel momento in cui ha chiesto spiegazioni. «La motivazione è che sui nuovi cartelli che segnalano la presenza dei parcheggi non è presente la zona di riferimento per gli abbonati così, anche chi abita in zona e ha regolarmente sottoscritto l'abbonamento, è costretto a dotarsi di ticket». Paradossale situazione che, al momento, non trova soluzione. «Effettivamente sui cartelli non è segnata la zona e così - ci dice il residente - io che ho l'abbonamento per la zona 3, ovvero quella del centro che comprende anche via del Gelso, sono passato dalla parte del torto e sono costretto a pagare due volte. Ho contattato anche il Comune che, però, mi ha solo risposto "adesso vedremo", ma nel frattempo io vedo macchine parcheggiate nei modi più assurdi e senza multa, mentre io che qui ci abito sono costretto a girare anche mezz'ora per trovare uno stallo libero e pagarlo regolarmente».

abbonamento-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento