rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Lestizza

Il Coronavirus si porta via Santo Rossi, il gigante di Villacaccia

È scomparso a Pesaro, dove viveva dopo la fine della carriera. Fu il capostipite di una famiglia di cestisti di alto livello

Il Coronavirus miete una vittima celebre nel mondo della pallacanestro. Si tratta di Santo Rossi, classe 1940, pivot da 2 metri e 12 centimetri originario di Villacaccia di Lestizza. Partendo dal paesino del Medio Friuli è riuscito a calcare i parquet più importanti d’Italia, vestendo per 17 volte la maglia azzurra (17 presenze, 11 punti e un oro ai Giochi del Mediterraneo di Napoli nel 1963).

La carriera nei club si è divisa tra te Vu Nere della Virtus Bologna, il ritorno in Friuli con le maglie biancoblu della storica Ginnastica Goriziana, la Libertas Forlì e la Victoria Libertas Pesaro, che negli anni a venire avrebbe dominato in Italia con il marchio Scavolini stampato sulle canotte. Proprio nella provincia marchigiana Rossi decise di fermarsi a vivere una volta terminata l’avventura sotto le plance. 

Rossi è venuto a mancare lunedì sera all’ospedale San Salvatore, dove era ricoverato a causa del Coronavirus e di altre patologie. Aveva perso la compagna di una vita, Alfonsina, qualche tempo fa.  Giulio, Francesca e Amalia, tutti ex giocatori di basket a buonissimi livelli. Francesca, in particolare, vanta 117 presenze con la nazionale femminile e una partecipazione alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Coronavirus si porta via Santo Rossi, il gigante di Villacaccia

UdineToday è in caricamento