Gonars dice addio al suo parroco, a febbraio finì in terapia intensiva

Il sacerdote era stato ricoverato all'ospedale civile di Palmanova in seguito a una caduta

È mancarto nella notte don Massimiliano Zanandrea, parroco di Gonars. Aveva 79 anni. Il sacerdote era rimasto vittima di una caduta dalle scale lo scorso sabato 15 febbraio scorso. Da allora si trovava ricoverato in ospedale (inizialmente fu portato in terapia intensiva a Udine e poi spostato nella città stellata). Nel tardo pomeriggio di venerdì 14 aveva celebrato la messa in paese, e dopo essere rientrato nei locali dove aveva la sua residenza, cadde dalle scale a causa di un malore. Una parrocchiana presente all’interno dell’edificio sentì il forte rumore e diede l'allarme, allertando così il personale sanitario inviato dalla centrale Sores.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento