L'addio a Dario Fo: il ricordo di Udine e delle istituzioni

L'attore e autore era stato per l'ultima volta in città nel 2012 al Teatro Nuovo assieme alla moglie Franca Rame, che sarebbe morta l'anno successivo. Venerdì sera verrà osservato un minuto di silenzio prima della messa in scena de "Il Marchese del Grillo"

L’ultima volta che aveva calcato un palco cittadino, nello specifico quello del “Giovanni da Udine”, era stata il 17 giugno del 2012, assieme all’inseparabile Franca Rame in Mistero Buffo, capolavoro del teatro popolare. Questo è il ricordo più diretto che Udine ha di Dario Fo, scomparso oggi all’età di 90 anni. Lo spettacolo - organizzato da Comune di Udine, Css e Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine - faceva parte della programmazione di UdinEstate 2012, e fu accolto con grandissimo entusiasmo dal pubblico, in una sala stracolma all’inverosimile. Era il potere di Dario Fo, era il potere dei suoi spettacoli e del suo stare in scena. Il direttore artistico della prosa Giuseppe Bevilacqua lo ricorda così: «Dario Fo non era solo un grande artista del teatro italiano ed europeo; era lui stesso teatro, pienamente e gioiosamente vissuto insieme al pubblico il quel conoscere ridendo e commuovendosi proprio della tradizione più autentica del teatro popolare». Dario Fo sarà ricordato con un minuto di silenzio prima dell’inizio dello spettacolo “Il Marchese del Grillo” con Enrico Montesano, in scena il 15 ottobre per l’inaugurazione  della ventesima stagione del Giovanni da Udine.

SERRACCHIANI. «Un artista che è stato innanzitutto un uomo libero, che nella sua carriera non ha mai rinunciato all'impegno civile». Così la presidente della Regione Debora Serracchiani ha ricordato Fo, premio Nobel per la letteratura nel 1997. «Il Friuli Venezia Giulia - ha continuato Serracchiani - è terra capace di creare e vivere con intensità importanti esperienze culturali: ricorda il Dario Fo 'provocatore' negli anni '70 a Pordenone, così come le rappresentazioni e le occasioni di studio che hanno recentemente nobilitato teatri ed eventi regionali, dal Mittelfest al Teatro stabile di innovazione di Udine al Politeama Rossetti di Trieste».

La locandina di "Mistero Buffo" a Udine

dariofo-2

HONSELL. «Come dissi commentando la scomparsa della moglie, Franca Rame, il Paese perde oggi una personalità di altissimo profilo etico e politico della cultura italiana e non solo. Siamo profondamente addolorati per la scomparsa di un grande artista». Il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha voluto ricordare così la figura di Dario Fo, scomparso oggi a 90 anni a Milano. Il premio Nobel aveva visitato il capoluogo friulano nel giugno 2012 insieme con la moglie, Franca Rame, per presenziare all’inaugurazione della sua mostra “La pittura di un narratore”, allestita dal Comune a Casa Cavazzini. Proprio in quell'occasione propose anche, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, una delle ultime interpretazioni dell’intramontabile “Mistero Buffo”, sempre a fianco di Franca Rame. «Ricordiamo con viva emozione – prosegue Honsell – una delle sue ultime apparizioni sul palco proprio qui a Udine in occasione di Mistero Buffo. Fu un momento indimenticabile per tutta la città».

PIRONE. Non è mancato un pensiero da parte dell’assessore alla cultura di Udine Federico Pirone, che si è affidato a Facebook per comunicare il suo dispiacere.

Potrebbe interessarti

  • Cosa fare a Ferragosto a Udine e dintorni

  • Aloe vera: tutti i benefici della super pianta

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Parco avventura di Lignano Sabbiadoro: le attività per tutti

I più letti della settimana

  • Lignano, spruzzano spray al peperoncino al concerto

  • Scomparso da giorni un 38enne di Paularo, l'appello disperato della moglie

  • Cosa fare a Ferragosto a Udine e dintorni

  • Incidente mortale in autostrada, perde la vita una donna

  • Paularo, dopo una settimana l'uomo scomparso è tornato a casa

  • Allerta meteo, possibili temporali già da stasera: le previsioni

Torna su
UdineToday è in caricamento