Mondo sindacale in lutto, è mancato Augusto Salvador

Visionario e appassionato, credeva nella tecnologia e nel futuro. Una figura di riferimento della Cisl Fvg

Dopo una lunga malattia, ci ha lasciati Augusto Salvador, segretario della Femca Cisl per il territorio di Udine e della bassa friulana.

La carriera

Classe ’61, Salvador, dopo essere stato assistente alla produzione alla Snia di Torviscosa, negli anni Novanta aveva iniziato la sua attività sindacale, occupandosi di una start up, l’Aussapol del gruppo Radici. Dopo quattro mesi, era stato “promosso” alla guida della categoria, che allora non comprendeva ancora i tessili, ma solo i chimici.

Le battaglie

“Ricordo  - ci confidava - quando alla Aussapol abbiamo caricato lo start up dei reagenti per la prima ondata: siamo partiti alla mattina di un giorno zero e la sera del giorno successivo è uscito il polimero, che non era niente male. Poi ci abbiamo messo sei mesi per raffinarlo. E’ stata un’esperienza bellissima, da cui ho imparato tanto”.

Torviscosa

Augusto – si legge in una nota della Cisl Fvg – era un uomo e un sindacalista appassionato, aveva una fede incrollabile nelle nuove tecnologie e nell’innovazione, credeva fermamente nella possibilità che l’industria potesse convivere con la sostenibilità. Il suo cuore, in particolare, un po’ per formazione, un po’ per passione, batteva soprattutto per il polo chimico di Torviscosa. Ed è per la “sua” Torviscosa che si era speso e battuto, perché "uscisse dal suo provincialismo”. "Torviscosa  - diceva - deve diventare un polo di attrazione e ricerca internazionali, coinvolgendo anche le università di Lubiana e Belgrado, sull’esempio di Ludwigshaffen. Dobbiamo ottenere certificazioni ancora più elevate, sapendo che c’è ancora molto da scoprire per quanto riguarda i materiali. Ma per questo dobbiamo aprirci e guardare fuori”.

La chimica

La chimica era il suo “pallino” – prosegue la nota della Cisl Fvg – così come sostenere tutte quelle aziende capaci di fare ricerca, come, ad esempio, Serichim, e le giovani start up, cui consegnava il futuro del settore. Un settore a cui guardava con estrema attenzione: non è un caso se a lui si deve la costituzione dell’Osservatorio provinciale della chimica.

Le battaglie

L’altra battaglia di Augusto Salvador è stata la Safilo, presto diventata anche una scommessa, soprattutto per quanto riguarda la ricollocazione del personale. “E’ stato necessario – raccontava - uno sforzo enorme per consentire la ricollocazione di queste persone; uno sforzo che avrebbe dovuto concretizzarsi anzitutto nel dispiegarsi di nuove politiche industriali. Senza alcuno strumento di politica attiva, se non quelli che ci siamo inventati noi, su 880 esuberi siamo riusciti a ricollocare 545 persone, molte come attraverso i corsi gratuiti per oss che abbiamo organizzato". Era a suo modo un visionario – conclude la nota della Cisl Fvg – capace di inventare cose nuove, strumenti inediti a tutela dei lavoratori. Se ne va un pezzo importante della nostra storia.

I funerali si terranno venerdì alle ore 15 a Torviscosa.

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Immobiliare: Udine, Lignano e Carnia trainano il mercato

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

I più letti della settimana

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento