Coronavirus: emergenza nelle case di riposo, salgono contagi e morti

Nella struttura di Mortegliano sono cinque le persone decedute negli ultimi giorni risultate positive al virus e una quindicina i positivi tra degenti e personale

Sono cinque le persone venute a mancare negli ultimi giorni nella casa di riposo "Rovere Bianchi" di Mortegliano e, in totale, anche sedici risultati positivi al coronavirus tra ospiti e dipendenti. Due casi anche nella struttura "Giovanni Chiabà" di San Giorgio di Nogaro: due operatrici sanitarie sono risultate positive al tampone. Come evidenziato dall'inizio di questa emergenza sanitaria, le case di riposo e le strutture per anziani sono uno dei luoghi maggiormente a rischio, nel caso in cui il virus dovesse penetrarvi. La richiesta di materiale sanitario come mascherine e guanti è quindi necessaria.

La testimonianza

Le misure a tutela degli ospiti nelle strutture per anziani sono scattate da prima del decreto, con il divieto di ingresso ai parenti dei degenti, eccezion fatta per i visitatori di ospiti in gravi condizioni di salute. Questa scelta ha limitato il richio del diffondersi del virus, ma ha scoperto un nervo già molto esposto nelle case di riposo: il personale è spesso sottodimensionato e la presenza dei parenti soprattutto nel momento del pranzo è fondamentale. Di seguito la testimonianza di un'operatrice di una struttura udinese.

«Al lavoro è dura, soprattutto nei momenti del pranzo e cena per riuscire a imboccare tutti. Il problema è che non abbiamo nemmeno mascherine e gel per le mani! Quando entriamo ci misurano la temperatura e se supera i 37 ci rimandano a casa, ma c'è il dubbio che il termometro all'ingresso non funzioni bene, perché da una misua diversa da quelli all'interno della struttura. Come personale siamo allo stremo anche per le normali influenze che hanno colpito molti di noi e siamo in sotto numero».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa struttura, da quanto riferito, la richiesta per mascherine FFp2 è stata fatta soltanto l'11 marzo e agli operatori socio sanitari al momento non è consentito l'utilizzo di mascherine chirurgiche «per non portare via materiale sanitario», ci riferisce il nostro contatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Incendio nella notte alle porte di Udine, in fiamme un locale

Torna su
UdineToday è in caricamento