Cronaca Rizzi / Piazzale Repubblica Argentina

Morte Morosini: indagati i tre medici presenti per omicidio colposo

I medici delle società calcistiche Livorno e Pescara e del 118 della città abruzzese sono stati iscritti nel registro degli indagati da parte della Procura della Repubblica. Alla base della scelta il mancato uso del defibrillatore

Piermario Morosini con la maglia dell'Udinese

La Procura di Pescara ha iscritto nel registro degli indagati tre medici in relazione alla morte di Piermario Morosini, calciatore militante nelle fila del Livorno di proprietà dell'Udinese. 

Coinvolti il medico sociale del Livorno Manlio Porcellini, quello del Pescara Ernesto Sabatini e Vito Molfese del 118. Il reato contestato è omicidio colposo.

LE POLEMICHE SUI SOCCORSI

Nel mirino degli inquirenti il mancato utilizzo del defibrillatore, arrivato nel momento del malore fatale di Morosini, ma mai utilizzato dai medici durante la procedura di rianimazione.

L'IPOTESI DI OMICIDIO COLPOSO

Ricordiamo che la perizia medico legale aveva stabilito che Morosini soffriva di una patologia congenita al cuore. Polemiche furono scatenate anche dalla presenza di un mezzo dei vigili urbani che ostruiva l'accesso al campo per l'ambulanza

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Morosini: indagati i tre medici presenti per omicidio colposo

UdineToday è in caricamento