Mittelfest: Giacomo Pedini è il nuovo direttore artistico

Designato dal Cda per il prossimo triennio, subentra a Haris Pasovic

A un mese dalla chiusura dell’ultima edizione, Mittelfest si presenta con un volto nuovo: quello del direttore artistico Giacomo Pedini, che succede ad Haris Pašovic, e quello di una nuova progettualità pronta a rilanciare la funzione della manifestazione quale volano per il territorio e con il territorio, ampliando la programmazione nel corso dell’anno con iniziative e approfondimenti collegati al festival e riprendendosi il ruolo di evento ponte con l’area balcanica anche nell’ottica della attuale situazione politica e sociale regionale. 

Il consiglio d’amministrazione, tra le varie candidature che hanno risposto al bando, ha deciso per un volto giovane: quello di Giacomo Pedini, nato ad Assisi 37 anni fa, docente a contratto di Storia della regia e Istituzioni di regia all’Università di Bologna, dramaturg dal 2017 al 2019 di Ert, Teatro Nazionale dell’Emilia Romagna, dove già dal 2012 ha coordinato e curato molti importanti progetti di teatro partecipato e collaborato alle attività internazionali, a partire dal VIE Festival. È stato anche regista assistente in spettacoli di successo, accanto a Claudio Longhi, neo direttore del Piccolo Teatro di Milano. Svolge di suo l’attività di saggista, di regista e drammaturgo di spettacoli. “La scelta di un volto giovane – dichiara il presidente di Mittelfest Roberto Corciulo - esprime la volontà di un festival rinnovato, che intende continuare a interpretare in modo chiaro la missione che è contenuta nel suo nome, ovvero rappresentare la Mitteleuropa, ma con una svolta di identità che porta il festival a una nuova dimensione: non più solo vetrina di un prodotto di nicchia ma soggetto attivo, propositivo, economico che coinvolge la città di Cividale e i territori adiacenti in maniera globale e continuativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e spostamenti verso i congiunti fuori regione: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il Fvg è arancione: ecco tutte le regole in vigore da domenica 17

  • Verso la zona arancione: cosa cambia in Friuli Venezia Giulia e da quando

  • La "nuova era" finisce presto, stop alla produzione della birra friulana Dormisch

  • Coronavirus in Fvg, 20 vittime e 739 ricoveri: numeri drammatici

  • La puntata di 4 Ristoranti girata in Carnia visibile in chiaro

Torna su
UdineToday è in caricamento