menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mittelfest, il via tra le polemiche e l'assenza del governatore Fedriga

Il presidente diserta il taglio del nastro per un paragone tra Carola Rackete ed Antigone

Carola Rackete paragonata ad Antigone e il governatore del Fvg Massimiliano Fedriga da forfait all’inaugurazione di Mittelfest tenutasi ieri sera a Cividale del Friuli. 

A mettere in relazione le due figure è stato il direttore della kermesse Haris Pasovic durante un’intervista pubblicata su un giornale locale. Dichiarazioni che Fedriga ha ritenuto inopportune, sostenendo che “non sia corretto fare politica con fondi pubblici”. E così nel primo pomeriggio di ieri è arrivata la notizia dell’assenza del governatore e anche dei rappresentanti della sua Giunta che hanno disertato la manifestazione.

Le reazioni

“Imbarazzante per la storia della nostra regione, inaccettabile sotto ogni punto di vista la polemica tutta di parte fatta da Fedriga contro la libertà di espressione di artisti, contro un festival che ha fatto proprio dell’incontro fra culture e opinioni il suo tratto distintivo”. Lo ha affermato il segretario del Pd Fvg Cristiano Shaurli, a Cividale, commentando la dichiarazione, fatta pervenire all'inaugurazione ufficiale del Mittelfest in piazza Paolo Diacono dal presidente Fvg Massimiliano Fedriga, il quale ha annunciato che non avrebbe partecipato all'evento in disaccordo con quanto dichiarato da artisti e dal direttore artistico.
"Questo è un atto gravissimo - ha sottolineato Shaurli - un'intromissione della politica che chiede all'arte di allinearsi, fatta oltretutto con modalità plateali che rivelano una precisa volontà di colpire e dare un esempio. E' anche un tradimento nei confronti dello spirito del Mittelfest, che nasce per mettere assieme le diversità e che in questo modo ha assegnato un ruolo preciso al Friuli Venezia Giulia, esso stesso luogo di diversità. Ora arriva Fedriga e vuole imporre censure e pensiero unico anche agli artisti. Un dispiacere per Cividale, per gli artisti e i tanti volontari che incarnano lo spirito di un festival che negli anni ha lasciato un segno in una città di confine, costruendo cultura, legami e aperture di cui invece – conclude - dovremmo essere orgogliosi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento