Accoglienza migranti: a Udine arrivano cartelli trilingue antibivacco

Il sindaco Fontanini: "I richiedenti asilo devono essere avvertiti"

Arrivano a Udine i cartelli antibivacco del Comune in tre lingue: italiano, friulano e inglese. Una misura rivolta a tutti, come spiega il sindaco Pietro Fontanini, ma che punta soprattutto a dissuadere i migranti. "I cartelli in tre lingue - spiega all'ANSA il primo cittadino commentando la notizia pubblicata oggi dal Messaggero Veneto - sono rivolti a tutti, ovviamente, anche se abbiamo constatato che sono spesso i richiedenti asilo a bivaccare in aree del verde pubblico dove non è consentito farlo". "Apporremo i cartelli, in prossimità di aiuole e aree non calpestabili - aggiunge - perché i richiedenti asilo devono essere avvertiti che non si può stazionare in quelle aree, e che se lo fanno possono essere sanzionati". A preoccupare l'amministrazione sono anche le presenze in aumento: circa 900 i migranti ospitati tra le ex caserme Caverzani e Friuli e in appartamenti gestiti da consorzi e cooperative. "Tra oggi e domani - annuncia Fontanini - alcuni gruppi saranno trasferiti in altre regioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trans nuda in mezzo alla strada, un carabiniere chiede 1 milione di risarcimento danni

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

Torna su
UdineToday è in caricamento