Accoglienza migranti: a Udine arrivano cartelli trilingue antibivacco

Il sindaco Fontanini: "I richiedenti asilo devono essere avvertiti"

Arrivano a Udine i cartelli antibivacco del Comune in tre lingue: italiano, friulano e inglese. Una misura rivolta a tutti, come spiega il sindaco Pietro Fontanini, ma che punta soprattutto a dissuadere i migranti. "I cartelli in tre lingue - spiega all'ANSA il primo cittadino commentando la notizia pubblicata oggi dal Messaggero Veneto - sono rivolti a tutti, ovviamente, anche se abbiamo constatato che sono spesso i richiedenti asilo a bivaccare in aree del verde pubblico dove non è consentito farlo". "Apporremo i cartelli, in prossimità di aiuole e aree non calpestabili - aggiunge - perché i richiedenti asilo devono essere avvertiti che non si può stazionare in quelle aree, e che se lo fanno possono essere sanzionati". A preoccupare l'amministrazione sono anche le presenze in aumento: circa 900 i migranti ospitati tra le ex caserme Caverzani e Friuli e in appartamenti gestiti da consorzi e cooperative. "Tra oggi e domani - annuncia Fontanini - alcuni gruppi saranno trasferiti in altre regioni".

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Morto un turista in spiaggia a Lignano Sabbiadoro

  • Ecco chi sono i rapinatori: quattro uomini con base a Passons

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Aperto il primo take away di frico al mondo, il Frico Gourmet in piazzale Cella

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

Torna su
UdineToday è in caricamento