Migranti in arrivo a Bordano, Mazzolini: "L’accoglienza diffusa ha le ore contate"

Dieci richiedenti asilo saranno ospitati in un albergo di Interneppo. Il disappunto del vicepresidente del Consiglio regionale: "Rimpatriare chi non scappa da una guerra"

«L’abbiamo detto mille volte: basta accogliere clandestini nei nostri comuni, basta gente che non ha altro da fare che bighellonare tutto il giorno con il cellulare in mano. Le cose stanno per cambiare in Fvg». Il consigliere regionale della Lega, Stefano Mazzolini, neo vicepresidente del Consiglio regionale, continua ad ‘affossare’ il progetto di accoglienza diffusa promosso dall’ex giunta regionale Serracchiani.

Mazzolini torna sul tema dopo aver saputo che dalla prossima settimana arriveranno 10 migranti a Interneppo di Bordano, ospiti dell’albergo ‘Alla Terrazza’. «Non può esistere che persone di cui non si conosce nulla, né la provenienza, né i precedenti, né lo stato di salute – aggiunge il consigliere regionale – vengano ‘spediti’ in una frazione di un paese come Bordano, dove non avranno nulla da fare se non starsene con le mani in mano o andare alla ricerca di una rete wi-fi. L’accoglienza diffusa ha le ore contate: mi auguro che questa gente venga rispedita al più presto nei Paesi di origine. Siamo disposti ad aiutare solo le famiglie e chi realmente scappa da una guerra. Gli altri possono tranquillamente essere ripatriati». Un tema, quello dell’arrivo dei migranti a Interneppo, che sarà al centro di un incontro convocato per giovedì 24 maggio alle 18 nelle ex scuole dal sindaco di Bordano Ivana Bellina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

Torna su
UdineToday è in caricamento