menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Via Mercatovecchio pericolosa”, lettera di protesta dopo una caduta

A lamentarsi delle condizioni della storica via è il presidente dell'associazione Fogolâr Civic, Alberto Travain, caduto malamente sul lastricato non bocciardato

Con una lettera, datata 27 dicembre 2017, indirizzata al Sindaco ed intitolata in oggetto “Mercatovecchio pericoloso”, il presidente del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico “Fogolâr Civic”, prof. Alberto Travain, segnala a Udine le condizioni di reale sicurezza per i pedoni in cui si trova la via maestra del Centro Storico, avendo egli stesso sperimentato di recente i pericoli della situazione con un infortunio seguito a caduta sul lastricato bagnato privo di bocciardatura sotto i portici storici dell'arteria cittadina.

Eccone il testo.

“Signor Sindaco, è mai possibile che nessuno sinora – tra Autorità preposte, commercianti e residenti – si sia mai accorto che il selciato dei portici di Mercatovecchio a Udine in caso di pioggia è pericoloso? Doveva cadere e fratturarsi un polso il presidente del Fogolâr Civic perché ci si potesse rendere conto che parte significativa del lastricato a ridosso delle vetrine non risulta essere bocciardata ossia resa scabra al fine di evitare al pedone proditorie scivolate? In via provvisoria una corsia di tappeto potrebbe e poteva evitare anche il peggio: senz'altro molto di più di cartelli liquidatori – comunque assenti – recanti l'avviso di scivolosità. Ma come si fa a non curare questo aspetto ossia la sicurezza del pedone, tra l'altro nella via consacrata per antonomasia alle passeggiate – 'pas-e-mieç', 'paso-e-mexo' – nel Centro Storico cittadino? Inqualificabile, certo, il Comune ed uffici e strutture specificamente preposte alla garanzia della cittadinanza in sede di viabilità pedonale.

Paiono poco attenti, a mancata tutela della clientela, anche, però, certi commercianti locali, ricorrenti magari contro il piano municipale di riassetto dell'omonima via paventando eccezionali allagamenti, eppure sostanzialmente insensibili alla minaccia di scivoloni ordinariamente incombente sui passanti, potenziali clienti. Per la sicurezza in Mercatovecchio chi deve fare faccia o si assuma la responsabilità di aver mancato. Non si risolve uno stato di pericolo incombente pagando semplicemente i danni ai malcapitati caduti negli agguati tesi dalle carenze dell'Amministrazione Pubblica. Bisogna prevenire. Almeno, d'ora in poi, dunque, per Mercatovecchio – lo stesso valga per il portico ex Upim di Via Cavour o per quello della Camera di Commercio in Piazza Venerio – non si dica che non si sapeva e che non vi erano state segnalazioni. D'ora in poi si sa e si deve intervenire!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento