Al Melograno si festeggia il nuovo logo con la birra prodotta dai ragazzi

Il sodalizio dal 1996 è al fianco di persone adulte con disabilità intellettive Qualità della vita e integrazione sociale nella casa famiglia di Lovaria

Nuovo logo da festeggiare con la birra prodotta dai ragazzi, ma l’impegno di sempre per la Comunità del Melograno che, dal 1996, opera a sostegno della qualità della vita e dell’integrazione sociale di persone adulte con disabilità intellettive ospitate presso la casa famiglia di Lovaria di Pradamano

Grazie alla consulenza dello studio 8AD, il Melograno si presenta con una veste aggiornata, ma fedele alle caratteristiche che costituiscono l’anima dell’associazione: l’arancione è rimasto il colore identificativo, le forme sono state modernizzate e i chicchi dimostrano quanto ricco e articolato sia il progetto dell’associazione. 

Un progetto che, fin dalla sua nascita, si caratterizza per una forte interdipendenza con il territorio circostante. I chicchi posti all’esterno sottolineano infatti come il Melograno non sia un sistema chiuso, ma caratterizzato da un forte legame con la comunità da cui “riceve” e a cui “dona”.

Desideriamo festeggiare questo cambiamento con la birra prodotta da nostri ragazzi”- afferma il presidente Giorgio Dannisi – “sono il loro il “succo” più buono e corposo della nostra associazione a cui ci dedichiamo grazie al contributo di molti che ci permettono di affrontare le sfide quotidiane”. 

Oltre che al nuovo logo, l’occasione è propizia per brindare al riavvio delle attività presso la Casa Famiglia di Lovaria. Le porte della struttura sono state chiuse durante il lock down ma, con lo slogan #ilmelogranononsiferma, l’associazione ha proseguito comunque la sua attività: il progetto educativo per i ragazzi ed il supporto psicologico alle famiglie è stato garantito a distanza con il supporto della tecnologia. 

Sono 13 i ragazzi che frequentano il centro diurno prendendo parte ad oltre 30 attività e laboratori appositamente predisposti da operatori specializzati con il supporto di volontari e dell’intera comunità. Tra questi il laboratorio di chimica nell’ambito del quale è stata prodotta la birra per uso interno e consegnata nell’ambito di una breve riunione alle famiglie. 

I costi per il riavvio delle attività in piena sicurezza presso la Casa Famiglia sono ragguardevoli, ma la Comunità del Melograno chiede supporto per poter raggiungere l’ambizioso obiettivo che persegue da ormai 24 anni: lavorare a supporto della qualità della vita e dell’integrazione sociale delle persone con disabilità e delle loro famiglie. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ possibile sostenere la Comunità del Melograno con il 5x1000 (codice fiscale: 94057030309) o con una donazione IBAN IT 66 A 05336 12303 000035354755

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • Selvaggia Lucarelli contro il meccanico anti migranti di Plaino

  • Incidente mortale sulla strada Ferrata, tra Varmo e Morsano

  • Chiuso un bar per aver violato le norme anti Covid, clienti arrabbiati coi carabinieri

  • Arriva l'esercito a presidiare il confine sui valichi minori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento