Al Fagiano una nuova gestione, ma una "vecchia" conoscenza dei locali udinesi

Dopo 15 anni Giordano Floreancig lascia la gestione della storica osteria "Al Fagiano". Gli udinesi, però, potranno contare sulla riapertura del locale dopo Friuli Doc

La notizia della chiusura della storica osteria "Al Fagiano" ha gettato nello sconforto i numerosi avventori che in questi anni sapevano di poter contare su questo locale per una sosta che fosse qualcosa di più di un semplice "taglio e tartina". Giordano Floreancig, insieme alla moglie Silva, ha infatti reso questo locale un punto di riferimento per quanti fossero in cerca di un bicchiere di vino più che buono, di una tartina che fosse non solo in grado di soddisfare lo stomaco ma anche il palato più esigente e di una chiacchiera che andasse oltre a quella "di osteria". Riparati dai muri del "Fagiano", infatti, gli avventori si sono lasciati andare a discorsi che cavalcavano arte, politica e società, senza mai tralasciare una leggerezza spensierata e goliardica lasciata in dote dalla verve dello stesso Floreancig

La nuova gestione

Niente paura, però. Se anche la chioma bianca di Giordano e la delicatezza di Silva non riempiranno più lo spazio racchiuso tra le mura del "Fagiano", lo spirito da osteria storica è destinato a rivivere con quella che si appresta ad essere la nuova gestione. A rilevare l'attività, infatti, è una vecchia conoscenza udinese, ovvero Max "Accia" Bernardi, il giovane gestore dell'Osteria dal Barbe in vicolo Gorgo 3 a Udine, che negli ultimi cinque anni è diventata un altro importante punto di riferimento tra i locali udinesi. L'apertura del Fagiano con la nuova gestione è prevista dopo Friuli Doc, previsto dal 12 al 15 settembre.

La scelta

«Un'occasione imperdibile», l'ha definita Max Bernardi, che rileverà il locale gestito da Floreancig in società con Giorgio Masotti dell'osteria ristorante "Al Toscano" di via Poscolle. Dietro il bancone ci sarà però solo Max, che continuerà l'avventura intrapresa cinque anni fa con il "Barbe", cercando e proponendo nuovo e sempre maggiore entusiasmo alla sua clientela. «Faccio questo mestiere ormai da molti anni - ci racconta Bernardi - prima come cameriere, poi come gestore. L'avere un contatto diretto con le persone e il creare dei rapporti sempre nuovi e costruttivi con le persone sono la spinta in più che ha questo mestiere. È anche per questo che non credo cambieremo molto di ciò che è stato lasciato in dote al "Fagiano"... certo, porteremo il nostro stile dando una rinfrescata, ma ci piace pensare che questo rimanga un locale storico che sia riferimento per tutti». 

Max Bernardi

Da quando ha 14 anni lavora nel settore, quindi è innegabile che l'attitudine della gestione dei locali gli scorra nella vene. Una lunga gavetta lo ha visto - solo per citarne alcuni - prima alla Ghiacciaia, poi da Gnagne Sese in via Marsala. Ma il desiderio di mettersi in proprio, nonostante la giovane età, è sempre stato predominante. Da qui è arrivata l'idea di aprire, nel 2014, l'osteria "Dal Barbe". «Era una piccola agenzia immobiliare, in un vicoletto poco frequentato di Udine. In cinque anni credo di poter dire che lo abbiamo fatto diventare un locale sempre frequentato capace di offrire buon vino, buon cibo e anche un buon intrattenimento».

Le novità

Soprattutto quest'ultimo sarà il punto di cambiamento rispetto alla vecchia gestione del Fagiano. «Il Fagiano è un locale storico con un carattere ben definito. Nonostante Floreancig abbia portato via i suoi quadri, lasceremo senz'altro la splendida parete dipinta da Celiberti che tutti gli avventori dell'osteria hanno imparato ad amare in questi anni. La cosa che mi piacerebbe fare, sarà sfruttare maggiormente lo spazio esterno, con eventi e musica dal vivo». Qualche modifica nell'arredo e soprattutto un'offerta di intrattenimento, saranno dunque le novità della nuova gestione del "Fagiano". «L'aria da osteria storica rimarrà intatta, certamente con la nostra impronta che ci siamo costruiti in tanti anni di mestiere. Rimarrà l'ottimo vino, così come una scelta di prodotti gastronomici di prima qualità e in più contiamo di portare qualche serata per riempire lo spazio che si affaccia su via Zanon».

Osteria Dal Barbe

Per chi se lo stesse chiedendo, no... Max "Accia" Bernardi non continuerà a gestire anche l'osteria Dal Barbe. Dopo la chiusura per le ferie estive, il 19 agosto sarà sempre lui a riavviare l'attività, ma solo per qualche giorno. Intorno alla metà di settembre, infatti, sarà il nuovo gestore, ancora rigorosamente top secret, a riaprire i battenti sfruttando l'adesione di via Poscolle alla 25esima edizione di Friuli Doc.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Alla guida con un tasso d'alcol di 5 volte superiore al limite dopo un'allegra domenica a Friuli Doc, fermato

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento