Salvini fa marcia indietro sul caso Regeni: «Fare piena luce»

Il ministro dell'Interno, in visita al Cairo, chiarisce la sua posizione. Un mese fa aveva sostenuto che fossero «più importanti i rapporti con l'Egitto»

Salvini in uno dei suoi interventi di quest'anno a Udine

Da «più importanti i rapporti con l’Egitto» a «fare piena luce sull'omicidio». Matteo Salvini assume una posizione decisa sulla questione del ricercatore friulano Giulio Regeni, ammazzato in Egitto. L’opinione è decisamente più netta di quella esternata un mese fa, e assume maggior valore visto che è stata esternata proprio al Cairo, in un incontro con il presidente egiziano Abd Al Fattah Al Sisi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro ha rinnovato la richiesta di «fare piena luce sull'omicidio dello studente italiano Giulio Regeni». Lo ha reso noto il Viminale, parlando di un incontro «lungo e cordiale», al quale ha partecipato anche il ministro dell'Interno egiziano. Al centro dei colloqui il rafforzamento delle iniziative in tema di sicurezza, contrasto all'immigrazione clandestina e al terrorismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

  • L'Ospedale cerca personale sanitario, la Casa di Cura lo mette in cassa integrazione: è scontro

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Non resiste alla quarantena, apre il bar e si trova con gli amici

Torna su
UdineToday è in caricamento