La storia di Maria e Alessio fa il giro d'Italia e arriva fino a Matteo Renzi

Tutti i media, dopo l'uscita del nostro articolo, si sono interessati alla bella e difficile storia di Maria e Alessio, madre e figlio che si sono diplomati insieme. Ora è arrivata anche alle orecchie dei politici

Quando si scrive una storia toccante, che riguarda persone che lottano per affermare i propri e altrui diritti, oltre alla soddisfazione di dar voce a chi spesso non ce l'ha, uno scopo per nulla secondario che ci si prefigge è quello di far arrivare la storia sulle scrivanie di quelli "che contano". Dopo l'uscita del nostro articolo, in cui abbiamo raccontato la meravigliosa storia di Maria e Alessio, ci siamo augurati che l'averlo pubblicato potesse in qualche modo contribuire ad accendere i riflettori sulla situazione in cui vivono centinaia di migliaia di persone affette da autismo in Italia. I numeri parlano chiaro: nel nostro paese ci sono 100mila bambini e 400mila adulti che ogni giorno lottano contro l'esclusione di una società che fatica ad includerli, dalla sanità alla scuola. Parlando con Maria Gariup e della scelta coraggiosa che ha fatto, lasciando il lavoro e tornando sui banchi di scuola a 50 anni per permettere a suo figlio Alessio di diplomarsi, nonostante la sua condizione di autismo, la speranza che sempre è emersa dalle sue parole è stata quella di poter smuovere le coscienze di tanti che ignorano il problema dell'esclusione delle persone autistiche da circostanze ritenute ovvie e scontate dalla maggior parte della gente, come il diritto di studio. Ma, soprattutto, per Maria era ed è fondamentale rendere utile la sua esperienza, e dunque la narrazione della stessa, per poter migliorare le leggi che riguardano l'inclusione delle persone con disabilità e affette da autismo. Un piccolo passo in questa direzione, ci auguriamo, è l'aver fatto arrivare la storia alle orecchie dell'ex premier Matteo Renzi, che l'ha condivisa sui suoi profili social sollecitando i partiti a mettersi attorno a un tavolo per discuteredi questo tema senza polemiche. Questo il testo del suo post:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi l'articolo che più mi ha emozionato è questo: la signora Maria ha lasciato il lavoro per aiutare suo figlio Alessio, affetto da disturbi dello spettro autistico, a diplomarsi. Noi abbiamo fatto la prima legge sull'autismo, ma ancora non basta. L'esempio di questa mamma coraggio mi commuove. E spero che tutti i partiti, su questo tema, mettano da parte le polemiche e lavorino insieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frico, polenta e salame con l'aceto: "Camionisti in trattoria" è passato in Friuli

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Cenetta tra amici in appartamento, la vicina chiama la Polizia

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia al primo posto in Italia nel rispetto delle limitazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento