Nel vuoto con la tuta alare: la storia di Marco, l'udinese volante

Marco Milanese, 32 anni, è guida alpina. Da diversi anni è paracadutista, ma ama anche lanciarsi dalle montagne con la tuta alare, per scoprire nuove linee di volo

Marco Milanese in volo

Ognuno viene a questo mondo per occupare un suo spazio preciso. Non si parla di missioni, non dobbiamo per forza avere tutti un ruolo "produttivo", anzi. Si parla di essere aderenti a se stessi. Marco Milanese, udinese di 32 anni, è uno di quelli che sa da tempo che tipo di persona è e qual è il suo posto. Anzi, quali sono i "suoi" posti, visto che una sola cosa è troppo poco, un solo luogo non sarà mai abbastanza. Marco è guida alpina. Ma è anche un paracadutista, uno slackliner e un base jumper. Tutte queste definizioni e molte altre ancora, da viaggiatore a insegnante, fanno di lui esattamente la persona che vuole essere.

Marco Milanese sarà venerdì 31 gennaio all'auditorium Menossi di Udine, alle 21, ospite del 36° Festival del film e dei protagonisti della montagna, dove racconterà il suo modo di vivere la montagna facendo vedere alcuni video e parlando non solo del suo essere ormai un'esperta guida alpina, ma anche l'unico base jumper dalla montagna del Friuli Venezia Giulia.

Il base jumping

Il base jumping è un'attività che prevede il lanciarsi nel vuoto da una grande altezza. "Base" è un acronimo per buildings (edifici), antennas (torri abbandonate o simili), span (ponti) e earth (scogliere o altri tipi di formazioni naturali).Molti lo vogliono chiudere dentro la definizione di sport estremo, ma è proprio Milanese ad opporsi a questa visione. Non solo perché per essere uno sport dovrebbe prevedere come minimo una competizione, ma anche e soprattutto perché per lui stesso ha un significato profondamente diverso. «Per quanto mi riguarda è più uno stile di vita. Non essendoci un ranking mondiale non è uno sport e ho imparato che più grande diventa un'attività, più perde la sua identità. Per me praticare il base jumping nasce da altre motivazioni, personali e interiori». Il base jumping è la cosa più simile al volare, per un essere umano. È qualcosa che ha a che fare con la libertà, l'empatia con il circostante, la scoperta del fuori (il mondo) e sicuramente anche del dentro (il noi).

Il volo con la tuta alare

«In generale veniamo spesso etichettati come "adrenalin junkies", ma io mi discosto molto da questa definizione, perché l'adrenalina fa parte dei primi salti, delle prime camminate sull'highline, delle prime arrampicate a mani nude. Io non faccio questo per la ricerca di una scarica, ci sono molti modi più semplici per scaricare l'adrenalina. Qui si vivono le sensazioni del volo, che non sono replicabili con altre attività, non a caso si parla di "human flight": con la tuta alare è il corpo che vola, non c'è qualcosa a cui si è appesi».  Volare è il sogno di quasi tutti i bambini, è qualcosa che ha a che fare con la nostra limitata natura di esseri umani e il nostro umano desiderio di scoprire quei limiti. Ma volare per un base jumper è qualcosa di più.

«Non essere appesi a qualcosa è una sensazione incomparabile. Oltre al voler provare questa emozione, c'è l'idea di cercare delle "linee" nelle montagne. Quando guardo una montagna mi piace approcciarla con diverse visioni, immagino il volo che la attraversa: una volta che hai volato dritto per cento volte, il bello è ricercare linee che le attraversino, voli che le sfiorino per scoprire nuovi modi di starci dentro, in mezzo». Una montagna può essere percorsa a piedi, può essere scalata, arrampicata e ci si può volare in mezzo, come fosse un parco giochi con diverse attrazioni. «Le montagne sono come un play ground, dove affinare capacità, tecniche e linee». Dietro ogni volo c'è molta passione ma anche molta preparazione.

La pratica

Quello che tutti si chiedono e gli chiedono sempre, quando Milanese presenta le sue attività e fa vedere i suoi salti, è come si inizia a fare il base jumper. La scintilla è probabilmente qualcosa di innato che sta dentro il Dna dei jumper, poi è necessario costruirci sopra la tecnica attraverso l'esercizio e la pratica

«Tutto è nato rompendomi il polso sinistro. Ero impossibilitato a fare qualsiasi cosa e siccome l'idea del paracadutismo mi girava in testa da tempo e sapendo che per aprire il paracadute si usa il braccio destro, ho iniziato un corso di paracadutismo a San Stino di Livenza». Era il 2014. Da quella volta sono trascorsi diversi anni, 400 salti, moltissime lezioni e infinite ore di preparazione.

«Da lì è nata tutta passione per il volo in generale. Ho cominciato con l'A.F.F. (Accelered Free Fall): sei da solo con il tuo paracadute con istruttori che ti tengono ai lati, mentre con la radio sei guidato da terra per fare i primi atterraggi. Una volta fatto il corso bisogna continuare a fare salti, fino almeno 50, da studente, con prove pratiche di esercizi da fare in aria. Al 50esimo lancio si può accedere al test a crocette per la licenza di paracadutismo con cui si può andare in tutte le "drop zone" del pianeta».

Ma il paracadute, per uno cresciuto umanamente e professionalmente tra le montagne, era troppo poco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Mi ero già interessato al base jumping perché fa parte del mio mondo alpino: in montagna con la tuta alare copri molte più distanze. Letteralmente voli via dalla parete di roccia». Milanese comincia così il percorso formativo. Anche qui bisogna raggiungere un certo numero di salti di paracadutismo senza tuta alare e poi si può indossare la "divisa" da uomini volanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento