Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori pubblici: sit-in davanti agli ospedali

I sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl chiedono sicurezza, assunzioni e contratti per il personale sanitario: venerdì 13 novembre presìdi di protesta “in forma statica”

I lavoratori del pubblico impiego manifestano in segno di solidarietà verso il personale sanitario che sta affrontando in prima linea la pandemia e scendono in piazza. «Pubblico per il pubblico: Lavoratori uniti per dare cure e servizi ai cittadini»: è questo lo slogan dell’iniziativa, promossa da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, che si svolgerà domani, venerdì 13 novembre, davanti agli ospedali e ai luoghi simbolo di diverse città italiane, fra le quali Udine, dove si terrà un sit-in a partire dalle 9.30, davanti all'ingresso principale dell'ospedale.

La protesta

A manifestare saranno i lavoratori del pubblico impiego, in un segno di solidarietà verso il personale sanitario che sta affrontando in prima linea la pandemia, per rivendicare il diritto a lavorare in sicurezza, il rinnovo dei contratti e nuove assunzioni.
L'iniziativa segue lo stato di agitazione già proclamato dalle categorie nelle scorse settimane per rivendicare innovazione nella pubblica amministrazione, rinnovo dei contratti e nuove assunzioni.

Le rivendicazioni

Per quanto riguarda nello specifico la sanità i sindacati  ribadiscono come sia «assolutamente necessario garantire al personale di lavorare in sicurezza, assicurando costantemente dispositivi di protezione individuale, tamponi e sorveglianza sanitaria, perché non è accettabile che proprio chi ci protegge debba lavorare in condizioni di scarsa sicurezza, mettendo a rischio la salute di lavoratori e cittadini».

Altrettanto indispensabile e urgente, per i sindacati, procedere con nuove assunzioni per implementare il personale e rafforzare i servizi sanitari, anche attraverso la stabilizzazione dei precari, e rinnovare i contratti, per valorizzare la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori: «Non si tratta solo di una gratificazione nei confronti di chi con spirito di abnegazione sta affrontando la pandemia in condizioni critiche, ma prima di tutto un diritto», sottolineano i vertici regionali di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Pa, lanciando un appello al senso di solidarietà di tutto il mondo del lavoro pubblico, «non solo a sostegno di chi garantisce la nostra salute, ma anche contro chi nega l’esistenza del virus, dell’emergenza epidemiologica e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

Torna su
UdineToday è in caricamento