Maltempo: in Fvg danni complessivi per 615 milioni di euro

Fedriga: "Da Roma giungeranno in fase di bilancio 450 milioni di euro da distribuire il prossimo anno alle aree coinvolte"

"La stima definitiva dei danni causati dalla recente ondata di maltempo a strutture e infrastrutture pubbliche e private del Friuli Venezia Giulia è di 615 milioni di euro". Lo ha annunciato oggi a Tolmezzo, in apertura degli Stati Generali della Montagna, il governatore Massimiliano Fedriga, sottolineando il dato complessivo appena fornitogli dal vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi. "Adesso, utilizzando a questo scopo anche le indicazioni che emergeranno dai tavoli tematici attivati per questi Stati Generali, mettiamo in campo - ha affermato Fedriga - tutto quanto necessario per superare le difficoltà con l'orgoglio e la determinazione che caratterizzano la nostra regione".

Fvg - Roma

A questo proposito, il governatore ha ricordato i primi 10 milioni stanziati subito dopo il disastro dalla Giunta regionale, ai quali hanno fatto seguito gli 870mila euro del Consiglio regionale ("che ringrazio nuovamente") e i 6,5 milioni di euro di anticipo da parte del Governo nazionale, ovvero la seconda quota assoluta che certifica il pesante ruolo di regione più colpita dopo il Veneto.

Le buone notizie

"Da Roma - ha aggiunto Fedriga - giungeranno in fase di bilancio 450 milioni di euro da distribuire il prossimo anno alle aree coinvolte, con già altre risorse previste per il 2020. Come ho avuto modo di anticipare al ministro Salvini - ha ricordato - chiederemo per il Friuli Venezia Giulia il massimo possibile, apprezzando la sua dichiarata disponibilità a venire incontro alle reali esigenze di chi è stato fortemente penalizzato". "È nostra intenzione - ha spiegato il governatore Fvg - utilizzare quanto avremo a disposizione per operare investimenti triennali su progettualità e infrastrutture volte a migliorare attrattività turistica, mobilità e logistica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo deliberato l'azzeramento dell'Irap per le imprese già presenti o di futuro insediamento nei comuni montani delle cosiddette aree b e c", ha quindi sottolineato Fedriga, ribadendo inoltre la richiesta sottoposta al Governo per la sospensione dei pagamenti dei tributi da parte di imprese e cittadini impegnati nella ricostruzione. Tra le buone pratiche attivate ad ogni livello a favore delle popolazioni, Fedriga ha infine citato anche l'accoglimento dell'istanza di sospensione dei pagamenti delle rate dei muti da parte dell'Abi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • L'Ospedale cerca personale sanitario, la Casa di Cura lo mette in cassa integrazione: è scontro

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Non resiste alla quarantena, apre il bar e si trova con gli amici

  • Coronavirus, i contagi aumentano ancora e passano quota 100

Torna su
UdineToday è in caricamento