Un po' di tregua e poi di nuovo tanta acqua: la Protezione Civile lancia l'allerta meteo

Da questo pomeriggio di nuovo tanta acqua sul Friuli Venezia Giulia:

Un po' di tregua e poi di nuovo tanta pioggia. Ma da questo pomeriggio di nuovo maltempo.

Dopo i temporali forti della serata di ieri, attualmente siamo in una fase più stabile, con atmosfera molto umida nei bassi strati. La pressione atmosferica è in calo e sta progressivamente aumentando in quota il flusso di correnti umide ed instabili sud-occidentali. Nel pomeriggio e in serata è atteso un deciso incremento dell'instabilità su tutte le zone con probabili temporali anche forti.

Le previsioni per domenica 28

Dalle prime ore della mattina è confermata, dai modelli di previsione, la formazione di una depressione sull'alto Adriatico con piogge diffuse da abbondanti ad intense, saranno possibili ancora locali temporali localmente forti e piogge molto intense. Dal pomeriggio attenuazione delle piogge e miglioramento in serata. Sulla costa probabile vento da sud-est o da est moderato.

Le raccomandazioni

La Protezione Civile raccomanda la massima vigilanza sul territorio, in particolare nelle aree adibite a campeggio e in concomitanza con eventuali manifestazioni all'aperto, al fine di predisporre tempestive misure di pronto intervento. La Protezione Civile raccomanda inoltre ai Comuni l'attivazione di una fase operativa di attenzione per allerta gialla o arancione e almeno di preallarme per allerta rossa, attuando le proprie procedure. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

  • Alla guida con un tasso d'alcol di 5 volte superiore al limite dopo un'allegra domenica a Friuli Doc, fermato

Torna su
UdineToday è in caricamento