rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Truffa informatica sotto falsa insegna dell’Agenzia delle entrate

Nuovo caso di phishing ai danni degli artigiani. La guida di Confartigianato per difendersi

Occhio all’email. Stavolta i pirati informatici si sono nascosti dietro l’insegna dell’Agenzia delle entrate.  Entrano nella posta elettronica con la solita scusa della verifica dati. Scritta con tutti i crismi, sempre più sofisticata. Crederci è fin troppo facile. «La preghiamo di controllare in modo da regolarizzare la sua posizione e non incorrere in sanzioni: in caso di mancata risposta verrà infatti attuato un prelievo forzoso sul suo conto corrente per l’ammontare di 1067,52 euro a titolo di multa». Sull’onda dell’emozione lo sfortunato destinatario è spinto a cliccare d’impulso sul link sottostante, al quale - dice ancora l’email - è possibile scaricare il modello per i dettagli della propria pratica. Basta un click e il pasticcio è fatto: la mail contiene un virus.  

Lo denuncia Confartigianato-Imprese Udine dopo aver ricevuto diverse segnalazioni dai propri associati. L’email è fatta piuttosto bene e rischia di trarre in inganno chi la riceve. L’associazione si è già attivata per segnalare l’ennesimo caso di phishing alla polizia postale e alla stessa Agenzia delle entrate, ma coglie l’occasione per ricordare ad imprese e privati qualche accortezza, utile a evitare lo scippo informatico di dati personali.

Anzitutto gli enti e le aziende dietro cui i truffatori si nascondono non chiedono mai conferma dei dati personali tramite email, ma contattano direttamente i propri clienti. Meglio cestinare le email  che, via link, rimandano a un sito web per la conferma dei dati e contattare direttamente il soggetto da cui sembra provenire l’e-mail o in alternativa digitare l’indirizzo internet dello stesso direttamente nel browser. Perché sia sicura, l’immissione di dati sui siti internet deve avvenire sempre con protocollo cifrato. Buone regole sono infine controllare che l’indirizzo Url sia quello del sito che si vuole visitare, non una copia creata per carpire dati, e installare sul proprio computer un filtro anti spam. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa informatica sotto falsa insegna dell’Agenzia delle entrate

UdineToday è in caricamento