Morto nel sonno da giorni, la madre lo veglia come se dormisse

La macabra scoperta è avvenuta ieri a Latisana. Il decesso risale a oltre 72 ore prima del ritrovamento

Il 56enne latisanese Vani Colombara è spirato nel sonno per cause ancora in fase di accertamento. Un lutto, una tragedia, impossibile da affrontare per la madre di 82 anni, tanto che la donna– caduta in una sorta di choc – ha deciso di vegliare il corpo del figlio per giorni, come fosse caduto in un sonno profondo.  

Il ritrovamento

La drammatica scoperta, riportata oggi dal Messaggero Veneto, è avvenuta ieri pomeriggio, lunedì 5 novembre, quando gli agenti della Municipale di Latisana, invitati ad intervenire da alcuni vicini di casa, preoccupati per lo stato di salute dell'anziana, hanno trovato la salma di Vani Colombara nel letto, avvolto dalle lenzuola. 

Ancora ignote le cause del decesso

Sulla morte di Colombara si escludono responsabilità di terzi, le cause devono ancora essere chiarite. Su disposizione del magistrato, la salma è stata trasportata e ispezionata all’obitorio dell’ospedale di Latisana. Il medico ha stabilito al momento che il decesso è sicuramente avvenuto  più di 72 ore prima del rinvenimento della salma, al massimo sette giorni fa. Non  è escluso che la Procura ora disponga l’autopsia.

Potrebbe interessarti

  • Cosa fare a Ferragosto a Udine e dintorni

  • Aloe vera: tutti i benefici della super pianta

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Lanterne in giardino: alcune idee per la casa

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento