Lutto universitario friulano per Giulio Regeni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Mentre la stampa locale già annuncia la pronta adesione dei Comuni di Gorizia, Grado, Palmanova, Pordenone e Udine, eminenti città regionali, al subitaneo appello del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e del Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl" a proclamare localmente il lutto cittadino in tutto il Friuli Venezia Giulia di fronte all'oltraggio all'intero territorio costituito dall'assassinio in Egitto del giovane ricercatore friulano dott. Giulio Regeni, martedì 9 febbraio 2016, il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl" hanno formalmente invitato, attraverso il loro presidente prof. Alberto Travain, anche l'Università degli Studi di Udine ad assumere iniziative analoghe per il mondo universitario del Friuli. Ecco il testo bilingue italiano-friulano dell'istanza avanzata presso il Magnifico Rettore udinese, prof. Alberto Felice De Toni, con oggetto "lutto universitario friulano per Giulio Regeni - 12.II.2016 / corot universitari furlan par Giulio Regeni - 12.II.2016". "Chiarissimo, i sodalizi in firma vivono la tragica vicenda del giovane corregionale, ricercatore universitario, assassinato in Egitto con sentimenti di schietto dolore e indignazione furente, poiché ragazzi di simile tempra sono l'orgoglio della nostra terra e della nostra gente, il fiore migliore della nostra gioventù. Oltre a insultare come ogni violenza l'Umanità intera, l'oltraggiosa morte di quel valente e degnissimo figlio di una terra antica e moderna di martiri e combattenti per il bene comune e contro le tirannidi di ogni tempo costituisce intollerabile offesa per tutti noi, popolo molteplice del Friuli Venezia Giulia, erede diretto della grande lezione di civiltà, resistenza e apertura della Madre Aquileia di cui, nei fatti, il 'nostro' Giulio Regeni ha saputo fino all'estremo essere testimone. Un invito, quindi, all''Università del Friuli', simbolo ideale massimo della tensione di un popolo verso la cultura e il progresso della civiltà, a rendere omaggio a quel testimone, a quel valido figlio della nostra terra, attraverso ogni forma di pubblico lutto in occasione delle esequie annunciate per il prossimo 12 febbraio, possibilmente con l'esposizione delle insegne a mezz'asta e la pubblicazione del logo funebre sul sito internet istituzionale. Nella certezza della debita considerazione, prontamente si porgono distinti saluti. / Clarissim, lis fradaiis che culì si firmin a vivin il fat de tragjedie di chel nestri zovin regjonâl, ricercjadôr universitari, copât fûr in Egjit cun anim di sclete dulie e di rabiôs disdegn, che fantats di chê fate a son la braure de nestre tiere e de nestre int, la flôr de nestre zoventût. In plui di ufindi tant che ogni violence dute la Umanitât, la muart vilipendiose di chel valent fi e tant degn di une tiere antighe e moderne di martars e di combatents par un ben comun e cuintri prepotencis juste in ogni ete e je un tuart sigûr di no parâ jù par ducj noaltris, popul verzelât di chest Friûl Vignesie Julie, erêt diret di chê lezion grande di civiltât, di resistence e di vierzidure vignude di Mari Aquilee, che di chê, cui fats, Giulio Regeni 'nestri' al à savût sei testemoni fint insom. Alore, si invide la 'Universitât dal Friûl', massim simbul ideâl dal pocâ di un popul inviers de culture e dal progrès de civiltât, a fâi ben onôr a chel testemoni, a chel valit fion de nestre tiere, midiant di ogni forme di public corot co al sarà il funerâl ve cumò ai 12 di Fevrâr, ancje cul meti fûr, se si pues, lis bandieris a mieç baston e cul publicâ il segnacul funebri sul sît internet de Istituzion. Cu la sigurece de juste atenzion, si mandin vie pronts ca salûts discrets".

Torna su
UdineToday è in caricamento