menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istigazione all'odio razziale, al via il prcesso a Dordolo

L'ex consigliere comunale della Lega Nord a processo per la vicenda che lo vide protagonista nel maggio del 2012, quando commentò con frasi choc la vicenda di una ragazza indiana uccisa dal marito e gettata nel fiume Po'

"Maldetto, inquinare così il nostro fiume. Vorrei vedere io se andassimo a defecare o a sgozzare mucche e maiali sul Gange cosa direbbero...Ah già, già lo fanno...Ah beh, allora.....o)". Questo il testo del messaggio su Facebook con cui iniziò la vicenda che ha visto protagonista Luca Dordolo, ex consigliere leghista a Udine. Il politico del Carroccio commentava in questo modo la tragica fine di una ragazza di Piacenza, uccisa e gettata nel Po' dal marito perchè vestiva e si comportava da occidentale. La dose venne poi rincarata alla trasmissione radiofonica "La zanzara" di Radio24, ai cui microfoni Dordolo ribadì e ampliò in maniera colorita gli stessi concetti.

Ora la questione, dopo le indagini della Procura di Udine seguite a un esposto presentato da un triestino, è arrivata in tribunale a Udine. Di fronte al giudice Carla Missera ha preso il via il processo nei confronti di Dordolo, cui è stata contestata la violazione dell’articolo 3 della legge 654 del 1975. Ora la difesa punta a sostenere l’insussistenza della configurazione stessa del reato, come ha precisato lo stesso avvocato difensore, e a dimostrare che non c’è stata alcuna forma di istigazione o incitamento all’odio razziale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, contagi e decessi sono in aumento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento