L'Uccellis si apre all’oriente

Dopo l'attivazione del Liceo Coreutico, la scuola udinese completa la sua offerta formativa con l'attivazione di una sezione di Liceo Classico Europeo con lo studio della lingua cinese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

All'Uccellis si studierà anche il cinese. La sperimentazione rivisita l'assetto tradizionale del Liceo Classico Europeo, introducendo come seconda lingua lo studio del cinese.

Il quadro orario conserverà le materie che caratterizzano il Liceo Classico Europeo, con alcune modifiche: si studieranno ancora il greco e il latino, l'inglese, il tedesco, la biologia e la geografia in inglese, ma sarà il cinese ad impegnare per 7 ore alla settimana gli allievi.

L'apertura dell'Educandato Statale "Collegio Uccellis" non è una novità: la scuola ha avuto già il riconoscimento dall'Han Ban di Bejing (ministero della pubblica istruzione cinese) di classe Confucio.

Tale autorizzazione riconosce l'attività già svolta dall'Uccellis per l'apprendimento della lingua cinese e la diffusione della civiltà orientale. Nell'istituto, infatti, lo studio facoltativo del cinese è attivo già da alcuni anni e coinvolge con entusiasmo numerosi studenti, a partire dalla scuola primaria.

Anche gli adulti si rivolgono alla "classe Confucio" per imparare il "Business Chinese" a garanzia di un reale interesse da parte dell'utenza che si unisce alle sollecitazioni giunte dalla realtà imprenditoriale del Friuli Venezia Giulia.

La nuova sezione del Liceo Classico Europeo verrà presentata il 14 dicembre 2013 alle ore 15.00, nella Sede di Via Crispi 6. Nell'occasione verranno presentati anche il Liceo Coreutico ed il Liceo delle Scienze Umane Coreutico e delle Scienze Umane.

Nello stesso giorno, alle ore 15.00, nella Sede centrale, con ingresso da Via Gemona 21, verranno presentate la Scuola Primaria e la Secondaria di primo grado annesse all'Educandato.

Torna su
UdineToday è in caricamento