Lavoro: investimenti per oltre 2 milioni su smart working

Investimenti in nuove tecnologie, acquisto di dispositivi digitali e formazione grazie al Fondo sociale europeo

Grazie ai due milioni e 400mila euro del Fondo sociale europeo si potrà implementare anche nella nostra regione lo smart working con investimenti in nuove tecnologie, acquisto di dispositivi digitali e alla formazione specializzante.

Lavoro digitale

L'investimento si rivolge sia agli imprenditori che ai dipendenti, ma anche ai lavoratori autonomi e ai responsabili amministrativi o soci di cooperative. La Regione, quindi, punta a diffondere e incentivare lo smart working all'interno del tessuto produttivo anche durante la fase due.

Obiettivi

A darne notizia è l'assessore regionale al Lavoro, Alessia Rosolen. Ma quali saranno gli obiettivi? "Favorire l'alleggerimento dei vincoli connessi dalla localizzazione della prestazione, lasciando al lavoratore la libertà di scelta, garantendo contestualmente la produttività, il benessere e la tutela della salute. L'emergenza ancora in corso ci ha indotto a immaginare formule lavorative alternative a quelle tradizionali, che sembrano imprescindibilmente legate alla presenza fisica di tutti i lavoratori. L'avviso pubblicato sul sito della Regione è finalizzato a promuovere modelli innovativi di organizzazione del lavoro nelle imprese del Friuli Venezia Giulia e dei lavoratori autonomi che elimini il vincolo della sede presso la quale la prestazione debba essere necessariamente svolta e fissi dei criteri legati a produttività e risultati", spiega l'assessore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualità del lavoro

"Non tutte le prestazioni lavorative - spiega ancora Rosolen - sono trasferibili dalle sedi fisiche agli spazi virtuali, ma lo smart working pone un punto molto importante in ordine alla responsabilizzazione di tutti i singoli sulle mansioni attribuite e al rispetto dei protocolli sanitari. Lungimiranti investimenti in nuove tecnologie coniugano esigenze sanitarie a un'ottimizzazione dei tempi e, quindi, possono portare a un salto di qualità del lavoro nell'accezione più ampia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Udinese-Parma 3:2 | Le pagelle: Pereyra il migliore, Nicolas fuori fase

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento