Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Tornano a crescere gli infortuni sul lavoro. 620 casi in più rispetto all'anno prima

La provincia di Udine segna un incremento con punte del 5%. In crescita anche le morti bianche

Cresce il numero di infortuni sul lavoro registrati nel 2016 in Friuli Venezia Giulia. Quelli denunciati lo scorso anno, secondo le tabelle mensili pubblicate sul sito dell’Inail, sono stati 16.380, ben 620 in più rispetto al 2015, con un incremento percentuale pari al 3,9%. La provincia di Udine e di Gorizia registrano il numero maggiore di casi. Un dato preoccupante a cui vanno aggiunte le morti bianche: 20 quelle avvenute in Fvg, di cui 5 in provincia di Udine.

PRECARIETÁ. «Si tratta di un segnale da non sottovalutare – commenta Orietta Olivo, responsabile sicurezza sul lavoro della segreteria regionale Cgil –, a maggior ragione perché interrompe una tendenza virtuosa alla diminuzione degli infortuni che durava da molti anni. Non solo: se è vero che si tratta di una dinamica che non riguarda solo questa regione, è altrettanto vero che l’incremento percentuale rilevato in Friuli Venezia Giulia, pari al 3,9%, è molto più alto rispetto alla media nazionale, che si ferma allo 0,7%. Bisogna quindi vigilare affinché i timidi sintomi di ripresa dell’occupazione non si traducano anche in una recrudescenza del fenomeno infortunistico. Una recrudescenza che è difficile non attribuire alla destrutturazione del mercato del lavoro, caratterizzato da una forte crescita della precarietà e del ricorso ad appalti e subappalti, con conseguenze inevitabili anche in termini di minore sicurezza del lavoro».

OLIVO_ORIETTA-2

SETTORI E TERRITORI. Tornando ai dati, l’unico settore che continua a evidenziare un calo dell’andamento infortunistico è l’agricoltura (612 casi nel 2016, contro i 651 del 2015). Infortuni in crescita invece nell’industria (13.240 denunce, pari al 3% in più) e nel settore pubblico (2.528 denunce), dove l’incremento è addirittura del 9%. A livello territoriale segno più per tutte le province, con punte del 5% a Udine e Gorizia, mentre l’incremento è più contenuto a Pordenone (+3%) e Trieste (+2%).

MORTI BIANCHE. Stabile, purtroppo, il numero delle morti bianche: 20 i casi registrati dall’Inail nel 2016, tanti quanti erano stati nel 2015. Anche in questo caso in Fvg va peggio che nel resto del paese: a livello nazionale, infatti, nel 2016 si sono contate 1.018 morti bianche, 164 in meno rispetto al 2015. Pesa purtroppo il dato della provincia di Udine, dove i casi mortali sono stati ben 12, 5 in più rispetto al 2015. Quattro morti invece a Pordenone (contro i 9 del 2015), 2 a Trieste (2 nel 2015) e a Gorizia (1 nel 2015). Per quanto riguarda la distribuzione tra i settori, alla diminuzione dei casi nell’industria (14 morti nel 2016, contro i 18 del 2015) ha fatto purtroppo da contraltare l’elevato numero di morti bianche nell’agricoltura, ben 5, 3 in più dello scorso anno. Un caso mortale si è verificato anche nel comparto pubblico.

L’INIZIO DEL 2017. Dati leggermente migliori caratterizzano l’inizio del 2017: il bimestre gennaio-febbraio, infatti, si è chiuso con una flessione dei casi rispetto allo stesso periodo del 2016. Il calo però è contenuto (meno del 2%), confermando purtroppo un incremento delle denunce rispetto ai valori del 2015. Ma il vero campanello d’allarme è rappresentato dai 4 casi mortali che hanno già funestato i primi due mesi di quest’anno, cui si aggiunge purtroppo l’altra morte bianca che si è verificata a marzo nel cantiere navale di Monfalcone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano a crescere gli infortuni sul lavoro. 620 casi in più rispetto all'anno prima

UdineToday è in caricamento