Via Tavagnacco, 4 mesi di lavori per la nuova rete fognaria

Deviazioni al traffico, dirottato su viale Tricesimo, a partire da domani - martedì 18 ottobre - per almeno due settimane. Si parte con la zona dell'incrocio tra via Feletto, via Tavagnacco, via Graonet e via Piemonte

Quattro mesi di lavori, con almeno due settimane di deviazioni al traffico: sono queste le tempistiche previste per la realizzazione della nuova rete fognaria della zona di via Tavagnacco. L'opera è considerata strategica sia dal Cafc chge dal Comune di Udine. L'investimento complessivo è pari a 736 mila euro. In questi giorni l'impresa aggiudicatrice, la Adriacos di Latisana, sta predisponendo la segnaletica per le modifiche temporanee alla viabilità.  La lunghezza complessiva dell’intervento è di circa 1386 metri: dall’incrocio di via Tavagnacco con le vie Feletto, Piemonte e Graonet, fino all’incrocio con le vie Padova, 4 Novembre e Galilei nel comune di Tavagnacco.

DEVIAZIONI. Il traffico veicolare subirà dei cambiamenti inevitabili. Il 18 ottobre all'altezza dell'incrocio di via Tavagnacco con le vie Feletto e Piemonte entrerà in vigore, per almeno due settimane, lo stop al traffico nell'area interessata: si inizierà a scavare   all’incrocio del ristorante Alla Vedova. Il traffico verrà fatto deviare su viale Tricesimo e altre vie come da segnaletica di volta in volta predisposta. Una volta realizzate le condotte, l'incrocio sarà riaperto e il cantiere procederà spostandosi in direzione nord in regime di interruzione della circolazione sul tratto occupato dal cantiere. L’impresa  garantirà gli accessi alle proprietà, salvo casi eccezionali e di durata limitata in concomitanza con il passaggio del cantiere; provvederà anche alla costante informazione ai cittadini sull’avanzamento dei lavori, conferma l'assessore comunale Enrico Pizza che assicura: «Il massimo impegno della Polizia Locale per gestire e monitorare il traffico in queste prime settimane di cantiere».

I LAVORI. Le condotte fognarie saranno realizzate utilizzando tubazioni in vetroresina, progressivamente delle dimensioni di 60, 80 e 100 centimetri. «In questo modo verranno risolti definitivamente – spiega il presidente Cafc Eddi Gomboso - i problemi di drenaggio delle acque piovane dovuti all’assenza della condotta fognaria». Verranno predisposti anche gli allacciamenti delle utenze per la parte insistente sull’area stradale pubblica e delle caditoie di raccolta delle acque meteoriche stradali. Si renderanno necessarie alcune modifiche ai collegamenti con la rete esistente al confine fra il comune di Tavagnacco e il comune di Udine al fine di offrire un miglioramento, alleggerendo il carico, lungo il collettore di viale Tricesimo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TRASPORTO PUBBLICO. Vista l’interferenza con i trasporti pubblici locali, Cafc ha anche provveduto alla predisposizione di un piano di coordinamento con l’azienda Saf per limitare al massimo i disagi correlati alla presenza del cantiere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Cenetta tra amici in appartamento, la vicina chiama la Polizia

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia al primo posto in Italia nel rispetto delle limitazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento