Latterie Friulane, la rabbia di un allevatore: "Legge male interpretata dai Nas"

Per Nicola Zanor, allevatore assieme al fratello a Colloredo di Monte Albano, il problema sanitario non esiste: "Se il latte, una volta mescolato, è sotto i parametri non ci sono problemi per la salute del consumatore"

Nicola Zanor

Il caso ‘Latterie Friulane’ mette in difficoltà i produttori di latte che fanno riferimento al consorzio. Uno dei più grandi - Nicola Zanor di Colloredo di Monte Albano, che lavora assieme al fratello - sfoga la sua rabbia ai microfoni di Free nell’intervista realizzata da Davide Vicedomini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ un grosso danno economico, che si trascinerà per anni. La legge viene interpretata male dai Nas. A livello sanitario non c’è nessun problema, perché se il latte, una volta mescolato, è sotto i parametri non ci sono problemi per la salute del consumatore. Non sappiamo cosa fare, perché il latte non viene ritirato non vendiamo e non guadagno. Abbiamo 5 mila litri di latte di cui non sappiamo cosa fare per adesso. I muti sono da pagare. Se all’Italia non interessa l’agricoltura chiuderemo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento