Lama Lobsang Topgyal sul torrente Alberone

La visita del monaco a sostegno della lotta contro la centralina idroelettrica prevista

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Ieri sera il celebre Lama Lobsang Topgyal è stato in visita sul torrente Alberone, in comune di Savogna. Lo scopo è quello di sostenere la causa del comitato "Amici del torrente Alberone",  vale a dire salvare uno degli ultimi torrenti alpini dalla costruzione di una centralina idroelettrica non sostenibile.

Lama Lobsang Topgyal ed è nato in Tibet nel 1974, dove si è unito al monastero di Paralugbug, a Lhasa, quando aveva 15 anni per studiare la filosofia buddista. Come molti altri monaci è stato anche imprigionato e torturato dal governo cinese. Dopo una pericolosa fuga nel cuore dell'Himalaya è arrivato in Europa nel 2006, ed ora la sua nuova casa è ora a Cardiff, nel Regno Unito. Ha avuto la possibilità di praticare e imparare il buddismo dal suo grande lama Sua Santità il Dalai Lama e da altri grandi maestri.

Successivamente al suo passaggio sul torrente Alberone, dove insieme agli abitanti ha gridato "Free Tibet e Alberone libero", ha fatto visita al centro buddhista Cian Ciub Ciö Ling di Polava. Oggi è già in partenza per l'India.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento