Giovani di Legambiente in azione da Dogna a Tribil per ripulire i sentieri

Con la chiusura dell'anno scolastico sono ripartiti i “campi di volontariato” di Legambiente, l'esperienza che unisce vacanza e lavoro in favore della natura e delle comunità locali.

Arrivano i “volontari”! Questa forma di “turismo alternativo”, che l'associazione ambientalista propone nella nostra regione dall'ormai lontano 1999, sembra non conoscere crisi, anzi, nel corso degli anni registra un incremento delle richieste di partecipazione e dell'offerta di opportunità.

Grazie al “cigno verde” sono così migliaia, in tutta Italia, i giovani e i meno giovani che possono trascorrere, a costi contenuti, un soggiorno di una decina di giorni in località di grande interesse ambientale e paesaggistico, come le isole Eolie, la Costiera Amalfitana, il Salento o l'isola dell'Asinara. Nel Friuli Venezia Giulia ad essere privilegiate sono state fin dall'inizio le località di montagna – da Sauris e Forni di Sopra a Lauco, da Resia e Moggio Udinese alle Valli del Natisone – proposte come meta ai volontari che, per regolamento, devono scegliere sedi situate al di fuori della loro regione di provenienza.

La stagione 2017 dei Campi di Volontariato è dunque iniziata la scorsa settimana partendo da Dogna, uno dei Comuni più piccoli della regione, simbolo, in qualche modo, di un abbandono e uno spopolamento che non si è arrestato negli ultimi decenni. Una quindicina di ragazzi, provenienti dalla Lombardia, dal Veneto, dall'Emilia Romagna e dalle Marche, sono intervenuti, in accordo con l'Amministrazione Comunale guidata dal giovane Sindaco Simone Peruzzi, per una manutenzione straordinaria del sentiero naturalistico che dal capoluogo sale alle frazioni di Piccol Colle e Visocco.

Dopo un'escursione sullo Jof di Sompdogna e una visita guidata al Museo del Terremoto e al centro storico di Venzone, il gruppo, accompagnato dai responsabili di Legambiente, si è spostato a Tribil Superiore, presso l'Albergo Diffuso delle Valli del Natisone. Ad attenderli la tradizionale festa del Kries, il falò che viene acceso nella notte di San Giovanni. Dopo aver lavorato su alcuni tratti di sentiero che fanno parte dell'Alpe Adria Trail, i volontari effettueranno nei prossimi giorni una visita al Museo di Caporetto e al Parco del Triglav, aggiungendo al loro bagaglio di esperienza altre preziose occasioni di riflessione, prima di rientrare nelle rispettive città di residenza.

A questo primo Campo ne seguiranno altri quattro: due rivolti ancora agli “under 18”, uno agli adulti e, per la prima volta, uno riservato alle famiglie. Ad essere privilegiati in questo caso i piccoli centri della Carnia: “è un modo – sostengono i responsabili regionali del progetto – per risarcire, almeno in parte, un territorio che ha subìto le conseguenze della gravitazione verso le città e la pianura”.     Maggiori informazioni sui programmi e le modalità di partecipazione sono rintracciabili sul sito nazionale di Legambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La carovana dei “volontari”: giovani di Legambiente da Dogna a Tribil, pulendo sentieri-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento