"L'Italia Chiamò": una diretta web di diciotto ore a sostegno di medici e infermieri

Appuntamento venerdì 13 marzo dalle 6 alle 24 su YouTube con una diretta web per raccontare al mondo come sta reagendo l'Italia davanti all'emergenza coronavirus

Protagonisti del mondo della cultura, della scienza, dell'economia e dell'innovazione, oltre a voci e volti di radio e televisione, saranno tutti uniti venerdì 13 marzo per la più grande live streaming di tutti i tempi su YouTube: "L'Italia Chiamò".

L'idea

Tema centrale dell'iniziativa sarà raccontare al mondo come sta reagendo l'Italia davanti all'emergenza coronavirus e per ribadire come sia necessario ascoltare e seguire le indicazioni per contenere il contagio.

Le storie

Durante le 18 ore si racconteranno le storie di che sta tenendo aperte le scuole attraverso la tecnologia, assicurando a migliaia di ragazzi la continuità didattica. Ma si darà voce anche a quegli imprenditori e quei manager che con lo smart working stanno reinventando le proprie aziende. Ancora, storie di artigiani e wwworkers distribuiti in ogni angolo d’Italia che continuano ad animare le loro piccole imprese artigiane sfruttando le leve del digitale. Si assisterà alla messa in scena di momenti di festival culturali, produzioni teatrali, concerti e mostre sospese o cancellate: performance, interviste, canzoni, poesie, tutte in streaming dalle case degli artisti.

Dove?

L'Italia Chiamò andrà in onda dalle 6 alle 24 su litaliachiamo2020.it, su YouTube e su centinaia di altri siti di news e di emittenti che metteranno a disposizione le proprie frequenze e i propri spazi per dare un contributo al “risorgimento” del nostro Paese. Per commentare o porre domande in diretta si fa riferimento agli hashtag: #litaliachiamo #iorestoacasa. “L’Italia Chiamò” è una piattaforma aperta che si avvale del contributo di tutta la società civile. E’ possibile aderire al progetto scrivendo a partecipa@litaliachiamo2020.it e inviando audio, video, e immagini che verranno condivisi durante il programma.

Raccolta fondi

La lunga diretta avrà anche lo scopo di promuovere una raccolta fondi per sostenere il grande sforzo dei medici, degli infermieri e di tutti gli addetti del sistema sanitario nazionale. Grazie alla collaborazione di tutte le compagnie telefoniche, sarà possibile inviare un sms o, in alternativa, effettuare un versamento su un conto corrente messo a disposizione dalla Protezione Civile. Tutte le informazioni per contribuire saranno disponibili sul sito www.litaliachiamo2020.it Il ricavato verrà destinato ai reparti di terapia intensiva maggiormente “stressati” dall’emergenza in corso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Promotori

Arsenale23, I Copernicani, Conversazioni sul Futuro, Ernesto Belisario, Emanuele Bevilaqua, Giampaolo Colletti, Paolo Iabichino, Mondo Digitale, nopanic-agency, Parole Ostili, Riccardo Luna, Talent Garden, Telefono Azzurro, StartupItalia, Wwworkers.it, Comin & Partners.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento