Nasce la nuova maxi isola della ristorazione in aiuto ai locali del centro

L'assessore Ciani: "Con questa decisione abbiamo voluto fare in modo che bar, ristoranti e locali pubblici possano mantenere il numero di tavoli e al tempo stesso garantire il rispetto delle distanze di sicurezza"

Le zone coinvolte

L'emergenza Covid-19 fa nascere una maxi isola pedonale in centro per garantire più spazio ai locali. Prima la proposta del capogruppo dem in consiglio, poi l'idea del sindaco Fontanini e ora l'avallo da parte della giunta. A partire da domani parte del centro cittadino verrà chiuso al passaggio dei veicoli al fine di consentire a bar, ristoranti e pubblici esercizi di utilizzare gli spazi esterni per lo svolgimento della propria attività nel rispetto delle misure di sicurezza imposte a livello ministeriale nell’ambito della gestione della pandemia. 

Le strade chiuse

Nello specifico saranno chiuse al traffico via Cavour, nel tratto compreso tra piazzetta Belloni e il civico 18A, via Savorgnana, nel tratto compreso tra il civico 10 e via Cavour, via Rialto, nel tratto compreso tra i civici 12 e 17 e via Mercatovecchio, via Lionello, via delle Erbe, in via del Monte, via Pelliccerie, via Cortazzis, piazza San Giacomo ai lati Est, Sud e Nord. Stalli destinati al carico e scarico saranno realizzati in via Sarpi, nel tratto fiancheggiante il lato Est della chiesa di San Pietro Martire e via Pelliccerie, in via Valvason lato Sud, in piazza Libertà e via Cavour lato Sud, in via Savorgnana lato Ovest, da via Stringher a Corte Savorgnan, e via Manin lato Sud, da Porta Manin a via Prefettura. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciani

“Il Comune di Udine – ha dichiarato l’assessore alla sicurezza Alessandro Ciani – è stato il primo in Regione a stabilire il raddoppio degli spazi esterni dati in concessione ai locali pubblici. Laddove questo non fosse sufficiente, tale superficie sarà ulteriormente ampliabile, se la conformazione della via o della piazza lo permetterà. Anche chi non è titolare di una concessione potrà farne richiesta. Con questa decisione abbiamo voluto fare in modo che bar, ristoranti e locali pubblici possano mantenere il numero di tavoli e al tempo stesso garantire il rispetto delle distanze di sicurezza. Il centro città diventerà in questo modo un vero e proprio salotto a cielo aperto a disposizione dei titolari delle attività produttive e dei cittadini. Sono convinto che ancora una volta gli udinesi si dimostreranno rispettosi delle regole e pronti a supportare con orgoglio gli sforzi che i nostri imprenditori stanno sostenendo in questo difficile momento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

  • Tre nuovi decessi da Covid19 in FVG: si tratta di due 78enni e un 59enne

  • Coronavirus, oltre 500 contagi in regione, 4 morti a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento