Nasce "Iris", la prima chat in Italia di supporto psicologico online

L'emergenza coronavirus ha scombussolato le vite di tutti quanti, e proprio per far fronte a questi cambiamenti è nata la chat di supporto

In questo periodo di emergenza coronavirus, la vita di tutti noi è stata scombussolata e mai quanto come in questo momento sta diventando necessario un supporto psicologico per far fronte a tutti i cambiamenti. Proprio per questo, è nata "Iris", la prima chat in Italia di supporto online.

"State a casa"

Una delle frasi più sentite in queste ultime settimane: "state a casa". Ormai risuona nella mente di tutti i cittadini, la cui vita è stata sconvolta dall'arrivo di questo virus. Niente più vita sociale, scuola, lavoro, svaghi, quotidianità e lontananza da parenti e amici. Dall'altra parte, però, c'è anche chi, come medici, infermieri, personale sanitario e tutti coloro che sono coinvolti nel combattere l'emergenza, continuano a lavorare ogni giorno. Tutti, quindi, anche se in forme diverse, siamo sottoposti a uno stress psicologico senza precedenti.

Supporto

Il servizio è stato pensato per la necessità di non minimizzare il problema psicologico e per fornire alle persone un mezzo facile e immediato da utilizzare nel ricevere un primo supporto in questo momento di comune difficoltà e disagio. Il modello della chat, inoltre, è stato scelto anche per poter raggiungere più facilmente quella parte di popolazione poco avvezza al supporto per mezzo telefonico e per i più giovani, abituati alla messaggistica istantanea.

Chi risponde

Dall'altra parte della chat ci sono psicologi professionisti, regolarmente iscritti all'Albo dell'Ordina degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia, che si sono volontariamente messi a disposizione per supportare i cittadini nell’emergenza.

Come funziona

La chat è gratuita ed è attiva tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 8 alle 22. Per accedervi, è sufficiente visitare il sito italiatuttobene.it e selezionare la sezione dedicata a Iris. Una volta compilati i dati richiesti, la piattaforma assegnerà l’utente al primo psicologo disponibile, con cui potrà immediatamente tenere una conversazione via chat. È bene sottolineare che Iris non sostituisce i rapporti terapeutici, ma vuole essere un mezzo di primo soccorso per i cittadini in difficoltà. Il progetto è attivo dal 1 aprile e già nei primi giorni ha registrato numerose richieste di supporto, indice che il servizio risulta di primaria necessità.

L'iniziativa

Questa iniziativa si colloca all’interno del progetto “Italia Tutto Bene”, una piattaforma d’informazione riguardante l’emergenza Covid-19 creata da un gruppo di giovani under 30. Il sito web dal 13 marzo ad oggi ha registrato oltre 15 milioni di visualizzazioni, raggiungendo oltre 3 milioni di utenti su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo dell’iniziativa no-profit è quello di fornire in maniera semplificata dati, statistiche, news e informazioni utili regione per regione sulla situazione del coronavirus nel nostro Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio zona arancione, il Friuli Venezia Giulia è di nuovo "giallo"

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

  • Migliorano quasi tutti i parametri della regione: il Fvg potrebbe cambiare colore

Torna su
UdineToday è in caricamento