rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
alberi

«Saranno tutti abbattuti o si salveranno?»: preoccupazione per gli alberi cittadini

Alcuni consiglieri di minoranza hanno presentato un'interrogazione per conoscere il destino di alcuni alberi in città

I consiglieri comunali di minoranza Cinzia Del Torre, Lorenzo Patti, Sara Rosso, Federico Pirone ed Eleonora Meloni hanno presentato un'interrogazione rispetto all'abbattimento degli alberi in città, argomento che continua a far discutere non solo tra i banchi del consiglio comunale, ma anche tra i cittadini.

Le richieste

«Negli ultimi due anni e mezzo la città ha assistito all’abbattimento sistematico di molti alberi ad alto fusto e quindi sale ogni giorno di più la preoccupazione per la frequenza e la facilità con cui vengono abbattute piante, in gran parte nate prima che i Consiglieri Comunali interroganti venissero al mondo», scrive la consigliera dem Del Torre. «Le stragi più recenti sono una trentina di alberi abbattuti in via del Maglio e due in via Friuli, ma non si possono scordare quelli eliminati da piazzetta Belloni, via dei Rizzani, via Aquileia e dal Colle del Castello, solo per fare gli esempi più eclatanti». Continua Del Torre: «È importante anche capire cosa intenda fare l'amministrazione in via Cadore, dove strada e marciapiedi sono pesantemente danneggiati a causa delle radici dei i pini marittimi. Da un paio di settimane, intorno ai pini è comparso il nastro arancione che delimita i cantieri. Saranno quindi tutti abbattuti o si salveranno?».

Le alternative

«Esistono soluzioni tecniche alternative alla strage dei pini ed è stato dimostrato con i buoni risultati di una sperimentazione fatta nel 2017. Dopo 4 anni la sperimentazione che aveva consentito la sistemazione del marciapiede e del sedime stradale danneggiato non richiede ulteriori manutenzioni e gli alberi, in quel punto, sono salvi. Ci auguriamo che l'Amministrazione voglia seguire questa strada piuttosto che accendere le motoseghe». Del Torre accenna anche ai progetti di boschi urbani che la Giunta Fontanini sta approvando in questo periodo. «Non rassicurano i progetti di realizzare boschi urbani ai margini del territorio comunale, per raggiungere i quali sarà comunque necessario spostarsi con l’auto. È invece essenziale la presenza di alberature e spazi verdi in ogni zona della città: nelle zone residenziali, dove la Giunta progetta di trasformare spazi verdi in parcheggi, in centro storico così come  nelle aree commerciali. Tutta la popolazione, anche  i bambini e gli anziani, devono poter godere del verde facendo solo pochi passi da casa», conclude.

L'interrogazione

I firmatari (Cinzia Del Torre, Lorenzo Patti, Sara Rosso, Federico Pirone, Eleonora Meloni) interpellano il Sindaco e la Giunta per conoscere:
1) la ragione del recente abbattimento degli alberi di via del Maglio e via Friuli, anche per sapere se e quante delle piante abbattute fossero malate;
2) quanto siano costati gli interventi di abbattimento degli alberi di via del Maglio e via Friuli;
3) se sia intenzione dell’Amministrazione abbattere i pini marittimi di viale Cadore e se invece siano state valutate soluzioni tecniche, come quella sperimentata nel 2017, volte a consentire il riatto dei marciapiedi e del sedime stradale pur salvando gli alberi;
4) quale sia il piano degli abbattimenti di alberi in programma per il 2022 in relazione a cantieri avviati o in fase di avvio o dovuti a malattia delle piante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Saranno tutti abbattuti o si salveranno?»: preoccupazione per gli alberi cittadini

UdineToday è in caricamento