Bob Martin: chiesto un mese all'azienda per cercare un compratore

Potrebbero essere rinviati di 30 giorni i licenziamenti dei 74 dipendenti dell'ex Encia di Sant'Osvaldo. Oggi al vertice di Trieste la Regione si è impegnata a trovare imprenditori pronti a rilevare

Delegazione di lavoratori della Bob Martin davanti alla sede della Regione Fvg di via Trento

La Regione ha chiesto 30 giorni di tempo per scongiurare la chiusura definitiva della Bob Martin, l'azienda di Sant'Osvaldo di Udine di proprietà del gruppo inglese che la scorsa settimana ha annunciato la chiusura dello stabilimento dove produce mangimi per animali domestici e il consguente licenziamento dei 72 dipendenti. Oggi a Trieste si è tenuto un incontro interlocutorio tra il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, l'assessore regionale al Lavoro, Loredana Panariti, le organizzazioni sindacali, le Rsu unitarie dell'azienda e, per la proprietà, i rappresentanti datoriali dell'Associazione piccole e medie industrie di Udine.

Bolzonello e Panariti hanno chiesto che l'azienda rinvii di un mese l'avvio della procedura di chiusura per consentire alla Regione di esplorare soluzioni alternative. Vicepresidente e assessore hanno anche incontrato una delegazione di lavoratori che manifestava davanti alla sede della Regione in via Trento, esibendo cartelli e striscioni contro la chiusura. La Regione si è impegnata a verificare la possibilità di ipotesi alternative alla chiusura che consentano la prosecuzione dell'attività. Il tempo richiesto servirà ad esplorare ed approfondire, ad esempio, la disponibilità di altri imprenditori ad acquisire l'azienda o la possibilità di avviare una cooperativa di lavoratori. In ogni caso, come ha assicurato Panariti, "la Regione è pronta a discutere ogni soluzione che possa consentire il ricorso agli
ammortizzatori sociali e non farà mancare il proprio supporto ai lavoratori".

Crisi aziendale

L'ipotesi di chiusura totale dell'azienda impedisce il ricorso alla solidarietà, attivabile solo nel caso in un cui venga mantenuto almeno il 40% dell'attività, ipotesi che per l'azienda, come riferito agli stessi esponenti della Giunta regionale nel corso dell'incontro di venerdì scorso, non è percorribile. All'origine della decisione di chiudere lo stabilimento udinese, a meno di due anni dall'acquisizione dello stesso dal gruppo Nestlè, vi è una forte crisi finanziaria dell'inglese Bob Martin che conta complessivamente 700 dipendenti nei vari stabilimenti dislocati in Inghilterra ma anche in altri Paesi europei e in Sud Africa.

Nuovo incontro a fine settimana

La Regione si è impegnata ad un nuovo incontro con le parti sociali entro la fine della settimana in attesa dell'evolversi delle interlocuzioni con la proprietà che, entro 24 ore, tramite i rappresentanti datoriali dell'Api dovrà far conoscere la propria disponibilità a procrastinare di un mese la cessazione dell'attività. In caso di risposta affermativa, la Regione sarà pronta ad accompagnare il tavolo delle trattative.

Potrebbe interessarti

  • Cosa fare a Ferragosto a Udine e dintorni

  • Aloe vera: tutti i benefici della super pianta

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Parco avventura di Lignano Sabbiadoro: le attività per tutti

I più letti della settimana

  • Lignano, spruzzano spray al peperoncino al concerto

  • Scomparso da giorni un 38enne di Paularo, l'appello disperato della moglie

  • Cosa fare a Ferragosto a Udine e dintorni

  • Incidente mortale in autostrada, perde la vita una donna

  • Paularo, dopo una settimana l'uomo scomparso è tornato a casa

  • Allerta meteo, possibili temporali già da stasera: le previsioni

Torna su
UdineToday è in caricamento