Nuovo scontro in via Selvuzzis, auto distrutta e conducente in ospedale

L'incrocio più pericoloso della città ancora protagonista. Si tratta del terzo incidente nel mese di gennaio

Le auto coinvolte nell'incidente in via Selvuzzis

Terzo incidente stradale del nuovo anno all’incrocio tra via Selvuzzis, via Lumignacco e via Gonars, verso le 20 di giovedì sera. Una Mercedes classe A di colore bianco, proveniente da Udine e diretta verso Campoformido, si è scontrata con una Kia che viaggiava da Lumignacco in direzione del capoluogo. 

L'incidente del 2 gennaio

L'incidente del 4 gennaio

Le conseguenze

I conducenti delle due vetture non hanno riportato gravi conseguenze. Il 35enne al volante della Mercedes è stato trasportato al pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia dall’ambulanza del 118 per gli accertamenti del caso, la 20enne che guidava la Kia è stata invece medicata sul posto.

La dinamica

Sul posto per i rilievi gli agenti della polizia locale cittadina. In base ai primi riscontri effettuati l’ipotesi più probabile è che la conduttrice della Kia abbia mancato di concedere la precedenza alla Mercedes.

Incrocio pericoloso

Al netto dell’ennesimo sinistro verificatosi in zona restano le criticità. L’incrocio è storicamente un punto sensibile della viabilità della parte Sud della città, ma questo non giustifica l’assenza di iniziative per metterlo definitivamente in sicurezza. Che cosa si sta aspettando?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento