Auto pirata ad Arta Terme, sono due i veicoli sequestrati

La Procura della Repubblica di Udine ha disposto il fermo di un'altra automobile oltre alla Golf bianca

La Procura di Udine ha disposto il sequestro di un'altra auto, oltre alla Golf ultimo modello che si presume sia l'auto pirata che domenica sera ha travolto e ucciso la 65enne di Arta Terme Maria Grazia Redavid, senza fermarsi a prestare soccorso. I sigilli sono stati apposti sulla vettura di proprietà dell'uomo di 40 anni, di Tolmezzo, che il giorno dopo l'incidente si è presentato ai Carabinieri di Tolmezzo per confessare di essere l'uomo che ha investito e ucciso la donna, precisando che era al volante di una Golf di proprietà di un amico. «La vettura - ha confermato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo - è stata posta sotto sequestro per controllare alcuni particolari della sua dichiarazione». Gli investigatori sono ancora al lavoro per ricostruire tutti i movimenti dei due uomini nel pomeriggio prima dell'incidente.
 

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Ecco chi sono i rapinatori: quattro uomini con base a Passons

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

  • Aperto il primo take away di frico al mondo, il Frico Gourmet in piazzale Cella

Torna su
UdineToday è in caricamento