Auto pirata ad Arta Terme, sono due i veicoli sequestrati

La Procura della Repubblica di Udine ha disposto il fermo di un'altra automobile oltre alla Golf bianca

La Procura di Udine ha disposto il sequestro di un'altra auto, oltre alla Golf ultimo modello che si presume sia l'auto pirata che domenica sera ha travolto e ucciso la 65enne di Arta Terme Maria Grazia Redavid, senza fermarsi a prestare soccorso. I sigilli sono stati apposti sulla vettura di proprietà dell'uomo di 40 anni, di Tolmezzo, che il giorno dopo l'incidente si è presentato ai Carabinieri di Tolmezzo per confessare di essere l'uomo che ha investito e ucciso la donna, precisando che era al volante di una Golf di proprietà di un amico. «La vettura - ha confermato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo - è stata posta sotto sequestro per controllare alcuni particolari della sua dichiarazione». Gli investigatori sono ancora al lavoro per ricostruire tutti i movimenti dei due uomini nel pomeriggio prima dell'incidente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

  • Incidente mortale a Tarcento, la vittima è un 39enne di Majano

  • Mestre, 24enne di Osoppo muore per sospetta overdose

Torna su
UdineToday è in caricamento