menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incidente del 9 marzo 2016 (Autovie Venete)

L'incidente del 9 marzo 2016 (Autovie Venete)

Autostrada A4, riaperta la circolazione tra Latisana e Portogruaro

Giornata di incidenti, che hanno provocato code e disagi, lungo la direttrice

È stata riaperta al traffico poco dopo le 12 e 40 l'autostrada A4 in direzione Venezia, chiusa in seguito a due incidenti accaduti in mattinata. Un’uscita di strada con perdita di carico (rotoli di nylon) alle sei del mattino e un tamponamento fra due mezzi pesanti (uno della repubblica Ceca e uno ungherese) hanno provocato code, congestioni e rallentamenti in autostrada ma anche sulla viabilità ordinaria. Un solo ferito (il conducente del mezzo targato Repubblica Ceca), soccorso dal 118.  Prima spostati nell’area di servizio più vicina al luogo del sinistro, i mezzi incidentati sono stati trasportati fuori dall’autostrada non appena la circolazione è tornata alla normalità. Ancora in corso i sopralluoghi per stabilire gli interventi di ripristino delle barriere e  per verificare le condizioni del manto stradale.

LE VICENDE DI STAMATTINA. Situazione critica sulla A4 Venezia-Trieste. Dopo quello di stamattina, verso le 10 e 20 si è verificato un secondo incidente, ancora una volta fra mezzi pesanti, sempre nel tratto Latisana – Portogruaro in direzione Venezia. Il tratto in questione è stato nuovamente chiuso, dopo che era stato riaperto verso le 9 e 30.  

Sul posto è in arrivo l’elisoccorso del 118 per il soccorso a un ferito rimasto incastrato nell’abitacolo di uno dei due camion. Tra San Giorgio di Nogaro e Latisana si è formata una coda di circa tre chilometri pertanto, Autovie Venete consiglia l’uscita a San Giorgio di Nogaro ai veicoli provenienti da Trieste. Chiusa l’entrata in A4 di Latisana in direzione Venezia.

Un'immagine del primo incidente (fonte Autovie Venete)

incidente2-4

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento