Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

Era un ragazzo come tanti. Abitava a Battaglia di Fagagna con i genitori e andava a scuola dai salesiani. Una perdita enorme che nessuna parola potrà mai colmare

Daniele Burelli, felice assiema ai suoi compagni di scuola

Si chiamava Daniele Burelli, frequentava il secondo anno del corso CNOS-FAP( elettrotecnica/meccanica) all'istituto Bearzi ed era un ragazzo come tanti con la passione per i motori. Ma la sua vita si è interrotta questa notte, per una bravata insieme agli amici. Daniele viveva a Battaglia, frazione di Fagagna, insieme ai genitori, al fratello e alla sorella che ora, distrutti dal dolore, non trovano pace per la scomparsa del loro ragazzo. Il padre Marco è molto conosciuto in paese visto il suo ruolo di presidente della pro loco.

L'appello e il monito della famiglia su Instagram

I fatti

È passata da poco l'1 e 30 di questa notte quando Daniele si mette al volante dell'Opel Corsa rossa, prendendo le chiavi ai genitori. Decide di fare un giro caricando nella vettura altri sette amici, tutti tra i 15 e i 17 anni. Prima uno di loro posta un video sui social per documentare le loro "gesta", poi il terribile schianto. Daniele muore sul colpo, gli altri amici vengono soccorsi e trasportati in ospedale.

Il cordoglio

Sui social e sul gruppo "Sei di Fagagna se..." si alternano messaggi di vicinanza e cordoglio alla famiglia, a riflessioni sull'importanza dell'educazione e la sensibilizzazione dei giovani ai pericoli della strada. Un ricordo amaro è ancora Facebook a suggerirlo. È di un anno fa e Daniele veniva menzionato sulla pagina social dell'Istituto Bearzi per la creatività dimostrata nel realizzare un presepe di viti e bulloni. Un modo come un altro per esprimere quella passione che lo aveva indirizzato anche nel corso di studi. Riflessioni che ora passano in sordina e lasciano solo spazio al silenzio lasciato dal vuoto della morte di un ragazzo che aveva tutta la vita davanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Piangevano tutti». L'incredulità e la tristezza dei dipendenti della Safilo

  • Stesa a terra in strada, si pensa a un incidente ma in realtà è un'ubriaca inseguita dal marito

  • Chiude la Safilo di Martignacco, 250 persone senza lavoro

  • Entra in bar e punta il fucile contro un cliente per un commento di troppo

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

  • Canta il coro gospel, più di 10 intossicati finiscono in ospedale

Torna su
UdineToday è in caricamento