Rischiano di essere investiti durante un soccorso, salvi per miracolo un pompiere ed un carabiniere

La vettura è sfrecciata lungo la strada non curandosi dei lampeggianti e dirigendosi verso di loro a folle velocità. I due sono riusciti a mettersi in salvo solo grazie alla loro attenzione ed agilità

Immagine d'archivio

Doppia tragedia sfiorata stamani intorno alle 4 sulla strada regionale 355 verso Comeglians.

Dopo che un giovane, classe 1992, residente a Prato Carnico, è uscito di strada a bordo della sua Fiat Sedici, forse a causa di un colpo di sonno cappottandosi più volte con l'autovettura, un'altra automobile, una Renault Clio a bordo del quale viaggiava un 36enne residente a Ovaro, è sfrecciata sulla strada regionale.

Non curandosi dei lampeggianti dei vigili del fuoco e della polizia stradale impegnati nel primo intervento di soccorso, la vettura è arrivata a folle velocità rischiando di falciare un pompiere ed un carabiniere che sono riusciti a salvarsi solo grazie alla propria attenzione ed agilità.

L'auto ha terminato la sua corsa "cozzando" contro la Fiat che giaceva ribaltata in mezzo alla strada.

Il 25enne del primo incidente è stato successivamente trasportato presso l'ospedale di Tolmezzo per ulteriori accertamenti mentre, per il 36enne, sono scattati i controlli con gli alcol-test che hanno rilevato effettivamente un tasso superiore a quello massimo consentito dalla legge.

Sul posto i Carabinieri della compagnia di Tolmezzo e i Vigili del fuoco di Udine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere in mare a Portopiccolo, è quello dell'udinese scomparsa da casa

  • Mamma e figlia mollano tutto, si diplomano insieme e aprono un locale

  • Denudati e perquisiti al gelo: l'incubo durante il tour europeo di due musicisti friulani

  • In onda stasera su Rai1 il film di Oleotto girato a Udine

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

  • 50 ettolitri di vino "abusivo" in una cantina, maxi multa per il proprietario

Torna su
UdineToday è in caricamento