Caso Regeni, niente aperture o passi avanti dalle autorità egiziane

La situazione di stallo è stata segnalata dal procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone

Il caso di Giulio Regeni è in una fase di stallo. La situazione è sostanzialmente bloccata per quanto riguarda l'inchiesta della procura della Repubblica di Roma sull'uccisione del ricercatore di Fiumicello in Egitto. 

Gli indagati

«Dopo l'iscrizione nel registro degli indagati di cinque esponenti di servizi segreti e polizia investigativa egiziani, da parte delle autorità giudiziarie del Cairo non ci sono stati passi o aperture, mentre da parte italiana è stato fatto tutto il possibile». Lo ha detto, secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, il procuratore di Roma — Giuseppe Pignatone — nel corso di un'audizione che si è svolta ieri al Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza pubblica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operaio trovato morto in casa a soli 42 anni

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • I luoghi di Friuli Doc 2019: le mappe con tutte le informazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento