Ipotesi corridoio di libero passaggio per i turisti austriaci e tedeschi

I pubblici esercizi e il turismo regionale soffrono le troppe incertezze e auspicano soluzioni come l'arrivo di turisti stranieri per risollevare la stagione

Il Tenda Bar a Lignano

Niente è scontato in vista dalla ripartenza, soprattutto per i pubblici esercizi. Alcune soluzioni arrivano da Confcommercio Udine, come il “take away”, subito, per poter incrementare le entrate di chi ha già attivato la consegna a domicilio in tempi di coronavirus e per consentire una reale ripartenza della ristorazione.

Ma il turismo e i pubblici esercizi attendono soprattutto risposte di prospettiva, certezze sulla fase 2 da cui dipende la decisione di riaprire di migliaia di aziende del territorio. Perché quella decisione «non è scontata per nessuno», avvertono Fipe Confcommercio Udine, con il consigliere nazionale Antonio Dalla Mora e il presidente provinciale Carlo Dall’Ava, e i mandamenti di Lignano, della Riviera friulana, del Friuli Occidentale e del Lagunare con i presidenti Enrico Guerin, gli stessi Dalla Mora e Dall’Ava e Pier Luigi Mattiussi.

Incertezza

La questione chiave è quella della totale incertezza del momento. Ristoratori, albergatori, baristi, operatori turistici non sanno ancora, a stagione già pesantemente compromessa, quale protocollo di sicurezza saranno chiamati a seguire. «Il risultato – sottolinea Fipe Confcommercio – è che ci saranno imprenditori che non avranno la forza di riaprire, altri che decideranno di non farlo perché non gli conviene più e altri ancora che saranno costretti a ritornare al lavoro con il solo obiettivo di recuperare almeno parzialmente le perdite, ma correndo il rischio di aumentare ulteriormente i costi. Quello che ci preoccupa è che questo scenario si possa riflettere sulla qualità del servizio».

Commensali

Fipe chiede dunque regole certe, «non come gentile concessione alla categoria, ma come riconoscimento di un ruolo di servizio sociale per la comunità». Ma chiede anche che dentro i locali ci si possa muovere in condizioni di normalità: «Sanificheremo gli spazi, useremo guanti e mascherine, ma i clienti che arrivano con la stessa automobile dovranno potersi sedere al tavolo in serenità. Dovranno essere realmente commensali».

Forza lavoro

E mentre la fascia intermedia del territorio sollecita a gran voce la riapertura dei poli museali, a Lignano, come in tutte le località turistiche, la voglia di ripartire non manca, ma non ci sono le precondizioni per la programmazione. E si aggiunge pure il problema del reperimento della forza lavoro, tanto più in presenze di prevedibili restrizioni sulla libertà di spostamento da una regione all’altra (la maggior parte dei collaboratori arriva da altri territori, se non da altri Paesi).

Turisti stranieri

Né possono confortare, osserva il presidente del mandamento lignanese Guerin, «le notizie che ci arrivano da clienti austriaci e tedeschi che, ascoltate le informazioni dei loro rappresentati di governo, temono di non poterci raggiungere durante l'estate». Fondamentale sarà dunque l’esito delle trattative in corso su un corridoio di libero passaggio tra Austria e Germania da estendere fino alla Croazia, «una dinamica che si spera possa coinvolgere anche l’Italia ma, al momento, nessuno è in grado di assicurare che ciò accadrà».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le troppe domande

Con che precauzioni lavorare, dunque? Con quali collaboratori? E per chi? Interrogativi per ora senza risposta. Con la conseguenza per migliaia di imprese e lavoratori di non sapere se e quando la stagione, che sarà comunque in tono minore, potrà iniziare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento