Inaugurato il primo "bosco in città", tra il Moretti e il Cormor

L'area si sviluppa tra i due parchi cittadini più frequentati, rappresentandone l'ideale collegamento "ecologico". L'area, messa a disposizione dal Comune, è di 12mila metri quadrati

Un polmone verde in grado di dare continuità a un percorso ecologico ideale tra il parco Moretti e il parco del Cormor. È stato inaugurato in via Quarto il primo “Bosco in città” di Udine, il progetto nato su iniziativa del Lions club Udine duomo e del Comune di Udine in collaborazione con il Consiglio comunale dei ragazzi. Assistiti dagli alunni delle scuole elementari dei quattro Circoli cittadini, i tecnici del Verde Pubblico dell’amministrazione comunale hanno messo a dimora i primi alberi, offerti dalla ditta Vivai-Piante D'Andreis di Latisana. Nell’ampia area di 12 mila metri quadrati messa a disposizione dal Comune “spuntano” ora 13 nuovi arbusti di diverse specie, dalla rosa canina al nocciolo, dal biancospino al corniolo, dalla quercia al frassino.

“Quello della sostenibilità è un tema molto attuale – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell – e proprio per questo è necessario che soprattutto le nuove generazioni comprendano l’importanza di tutelare l’ambiente anche per le generazioni future”. Dopo queste prime piantumazioni nel tempo si aggiungeranno altri alberi, fino a creare un vero e proprio bosco. “Negli anni scorsi abbiamo già realizzato progetti analoghi – spiega l’assessore alla Qualità della città Lorenzo Croattini – ma questo è il primo “bosco in città” dedicato alla festa degli alberi ufficialmente istituita il 21 novembre e dove ogni anno ogni plesso scolastico della città piantumerà il suo albero. Un’iniziativa che contribuisce a portare avanti un obiettivo inserito anche nel nuovo piano regolare, quello di creare una continuità di verde attraverso percorsi ecologici urbani”.

Le essenze del bosco sono state scelte in base alla loro capacità di assorbire le polveri sottili e di pulire l’aria. Proprio per questa loro caratteristica gli alberi produrranno crediti di riduzione di CO2, che attraverso il sistema costruito del protocollo di Kyoto garantiranno contributi utili a coprire i costi della manutenzione dell’area. “L’iniziativa vuole essere una rivisitazione della festa degli alberi in chiave moderna – commenta la presidente del Lions club Udine duomo Maria Stellina Parussini –, con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani all’ecologia e al rispetto per l’ambiente”. Nel corso dell’incontro la presidente Parussini e altri rappresentanti del Lions club hanno consegnato ai bambini dei quaderni didattici della casa editrice Selekta, con i quali i piccoli partecipanti potranno seguire la crescita degli alberi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Coronavirus, cala il numero dei tamponi ma sale la percentuale di contagiati in Fvg

  • Lutto nel mondo della politica, addio ad Andrea Simone Lerussi

Torna su
UdineToday è in caricamento