Asilo ecologico: inaugurata a Udine la scuola primaria ecosostenibile

Si tratta del primo edificio pubblico in regione di classe energetica A Plus. Una struttura all'avanguardia dal punto di vista energetico, molto atteso in una zona fin'ora scoperta come quella di Baldasseria

Il nuovo asilo di via Baldasseria Media, tanto atteso dalle famiglie della zona (era stata un’esplicita richiesta al durante la campagna elettorale nel 2008), non è soltanto una realtà, ma è anche una struttura all’avanguardia dal punto di vista dell’ecosostenibilità e dell’efficienza energetica.

Si tratta infatti del primo edificio pubblico realizzato ex novo in Friuli Venezia Giulia ad ottenere la classe di certificazione Casa Clima A Plus, il valore più alto in circolazione attualmente per questa tipologia.

La nuova scuola dell’infanzia è stata inaugurata ufficialmente alla presenza del sindaco, Furio Honsell e dell’assessore alla Gestione urbana, Gianna Malisani.  Potrà accogliere fino a 75 bambini, suddivisi in tre sezioni, una in più rispetto all’attuale struttura del Cas.

La nuova scuola, che sorge su una superficie di 700 metri quadrati, si presenta come una struttura a un solo livello a pianta rettangolare e con una copertura piana. Lo spazio interno è costituito da tre blocchi autonomi dedicati alle attività, composti da un piccolo ingresso, servizi igienici e aula didattica. Ogni sezione corrisponde ad un colore (rosso, verde e arancione). All’esterno di queste tre aree, delimitate interamente da pannelli vetrati, in una zona open space sono state predisposte le zone per la ricreazione, per il pranzo, per la palestra e il dormitorio, oltre naturalmente ai locali per il personale e le cucine.

“Tutta la realizzazione dell’edificio - ha spiegato Marco Smiderle, il progettista e direttore operativo dello Studio Altieri di Udine - è avvenuta sotto il controllo di Casa Clima. Questo significa che il controllo è avvenuto su ogni dettaglio costruttivo e su ogni materiale”.

Un asilo ecologico, dunque, che punta sull’utilizzo delle energie alternative. Sul tetto sono stati collocati pannelli fotovoltaici e solari per integrare le necessità energetiche dell’edificio sia per il riscaldamento sia per l’acqua calda e cinque sonde geotermiche per il riscaldamento.

All’inaugurazione erano presenti anche l’assessore alla Qualità della città, Lorenzo Croattini e il consigliere comunale delegato Carlo Giacomello. I locali sono stati benedetti da don Tarcisio Bordignon, storico parroco di San Pio X. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavori sono stati realizzati dalla ditta Euroscavi srl di Badia Polesine (Ro) in collaborazione con Costruzioni Susanna di Treviso e al Comune sono costati un milione 200 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Incendio nella notte alle porte di Udine, in fiamme un locale

Torna su
UdineToday è in caricamento