Una nuova società tutta friulana candidata a diventare un polo regionale della sicurezza

DS Ducale Sicurezza, Optima Sistemi e Sea Più hanno unito le proprie forze per creare un soggetto unico per safety e securuty in regione

Il gruppo di lavoro delle tre imprese

Settore safety e security: in un contesto economico dominato dall’incertezza c’è chi decide di investire in un nuovo progetto. Un progetto tutto friulano porterà alla costituzione di un “polo della sicurezza” regionale, formato da tre imprese dimensionalmente simili e con settori complementari che operano nel campo safety e security e che uniranno le proprie forze e competenze per conquistare il mercato.

L'idea

Protagoniste di questo nuovo progetto imprenditoriale sono le aziende DS Ducale Sicurezza di Cividale del Friuli, Optima Sistemi di Udine e Sea Più di Tavagnacco che, nell’arco di circa un anno, daranno vita a una nuova società, la più grande della regione, candidata a diventare un polo di attrazione nel settore sicurezza.
Il primo atto di questa iniziativa si è svolto a Cividale, nella sede della DS Ducale Sicurezza, coinvolgendo i dipendenti delle tre realtà, che si sono confrontati sul progetto assieme alle proprietà, prendendo parte attiva al processo sinergico.

Per il mercato – ha detto nell’occasione Claudio Minigutti, ceo di Optima Sistemi - si tratta di una grande novità: aggregare tre realtà significa prendere il meglio di ciascuna per essere, assieme, più competitivi. Si tratta di un percorso che non vogliamo venga imposto ma condiviso con i nostri dipendenti. Confrontarci con coloro che operano in azienda con professionalità da anni rappresenta una ricchezza e uno stimolo per portare avanti l’iniziativa in maniera efficace. Il prossimo appuntamento sarà a settembre quando partiranno i tavoli di lavoro per condividere procedure e know how”.

Il progetto

Le tre imprese operano, con il pubblico e il privato, sia nel settore safety, legato alla sicurezza personale e alla salvaguardia della vita, sia nel settore security, offrendo servizi di videosorveglianza, sicurezza industriale, antintrusione. Le tre aziende, con 30 anni di esperienza, contano complessivamente circa 4.000 clienti, 500 sportelli bancari in assistenza, 25 dipendenti, 20 mezzi sul territorio e tre sedi operative. Il totale del fatturato delle tre società, nel 2019, è stato di 3 milioni di euro.
Un aspetto primario di questo progetto – ha precisato Bruno Screm, responsabile commerciale di DS Ducale Sicurezza – è quello legato al consolidamento della cultura imprenditoriale delle tre realtà mantenendo un management tutto friulano. Abbiamo voglia di crescere e di metterci in gioco tenendo fede alle nostre radici, visto che la proprietà della nuova società sarà al 100% del territorio, ma guardando al futuro per essere sempre più concorrenziali sul mercato”.

La clientela

Fra i clienti più importanti delle tre realtà, solo per citarne alcuni, ci sono i gruppi Bancari UniCredit, CiviBank, Banca Intesa, l’Ospedale di Udine, il Città Fiera di Torreano di Martignacco, i gruppi Pittini, Fantoni, Friul Intagli, Autamarocchi, il Teatro Verdi di Trieste e l’Udinese Stadium. “Nonostante il momento difficile che il paese sta attraversando – ha spiegato Marco Stefanutti, amministratore di Sea Più – il mercato della sicurezza è comunque in crescita. Il livello tecnologico dei sistemi sta diventando sempre più spinto per cui la formazione continua e l’acquisizione di competenze sempre più specifiche sono fondamentali. Mettere in sinergia il know how di tre solide realtà rappresenta a nostro avviso una carta vincente per ampliare il mercato anche al di fuori dai confini regionali”.
L’operazione è stata coordinata dall’Advisor Lavorenti&Associati secondo il quale l’accordo rappresenta un valido esempio di come operatori economici di dimensioni locali possano perseguire la via della crescita dimensionale, necessaria per aumentare la propria competitività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio zona arancione, il Friuli Venezia Giulia è di nuovo "giallo"

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

  • Migliorano quasi tutti i parametri della regione: il Fvg potrebbe cambiare colore

Torna su
UdineToday è in caricamento