Honsell candidato alla presidenza della Regione per il centro sinistra

La proposta arriva da membri della società civile, che tramite i loro rappresentanti hanno presentato il progetto all'osteria "La ciacarade", storico luogo di incontri sul tema data la vicinanza con la vecchia sede della Regione

Furio Honsell

Come possiamo chiamarlo, "il patto della Ciacarade". Oppure la "promessa di via San Francesco" ? Al di là del nome il messaggio è chiaro: chi ha organizzato l'incontro vorrebbe Furio Honsell come candidato alle elezioni regionali del 2013, come esponente unitario del centro sinistra. Si tratta di una cinquantina di esponenti della società civile provenienti da tutto il territorio regionale, rappresentati da Andrea Bellavite di Gorizia (avversario di Romoli nelle elezioni comunali della sua città nel 2007), Marco Iob e Irma Guzmán di Udine, Michele Negro e Didier Manga di Pordenone, Rossano Bibolo di Trieste.

E' stata così fatta la proposta di riconoscere nel sindaco di Udine la persona più adeguata per presidere la Regione, o almeno di indire entro il mese di ottobre di quest'anno le elezioni primarie della coalizione del centro sinistra.La proposta muove dalla logica che la scelta del candidato non può essere il frutto di più o meno visibili contrattazioni di partito, ma di un'ampia consultazione nella quale tutti i cittadini che si riconoscono nelle prospettive del centro sinistra e della sinistra possano avere voce in capitolo.

A distanza di un'anno la campagna elettorale inizia a farsi subito interessante

LA RISPOSTA DI HONSELL

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 4 Ristoranti di Alessandro Borghese, ecco quali sono i locali in gara

  • Guida Michelin, il Friuli Venezia Giulia si conferma con 10 stelle

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Le migliori scuole di Udine e dintorni

  • Al lavoro obbligatoriamente anche di sabato, lavoratori in sciopero

Torna su
UdineToday è in caricamento